Alitalia con Air France-Klm e Delta sulle rotte atlantiche

Grazie alla joint venture tra le 4 compagnie, i passeggeri hanno un accesso privilegiato al più grande network transatlantico al mondo, con quasi 250 voli e 55mila posti al giorno e che comprendono 20 voli giornalieri tra 5 scali negli Stati Uniti e gli aeroporti di Roma Fiumicino e di Milano Malpensa

Roma - Alitalia si unisce ad Air France-Klm e Delta nella principale joint venture transatlantica del trasporto aereo. Lanciata nel 2009 la joint venture mette a disposizione dei clienti in viaggio attraverso l’Atlantico un network unico e coordinato e consente alle compagnie partner la condivisione di costi e ricavi delle proprie rotte transatlantiche. Grazie alla joint venture tra le 4 compagnie, i passeggeri hanno oggi un accesso privilegiato al più grande network transatlantico al mondo, con quasi 250 voli e 55mila posti al giorno e che oggi comprendono 20 voli giornalieri tra 5 scali negli Stati Uniti e gli aeroporti di Roma Fiumicino e di Milano Malpensa. Con l’aggiunta di Alitalia, la joint venture esprime il 26% circa dell’intera capacità transatlantica, con ricavi annui stimati per oltre 10 miliardi di dollari. «La joint venture - ha spiegato l’amministratore delegato, Rocco Sabelli - è il modo più evoluto di cooperazione tra compagnie aeree del mondo. Si tratta - ha aggiunto - di una tappa fondamentale per definire il rilancio di Alitalia e ci arriviamo nel pieno rispetto dei tempi. La joint venture realizza uno dei pilastri strategici del piano di rilancio di Alitalia e ci consentirà di offrire un ampliamento ragguardevole del nostro portafoglio per i clienti e un vantaggio importante per i conti della compagnia».

Commenti