All’autodromo i professionisti del viaggiare con lentezza

Il tempio della velocità: mai cornice avrebbe potuto essere più azzeccata per celebrare l'andare lento. E infatti sarà l'autodromo di Monza a ospitare per tre giorni la prima edizione della Borsa italiana Go Slow. Perché ci può essere un altro modo di viaggiare, lontano dalla mondanità e dai percorsi comuni. Un nuovo modo di viaggiare dolce, sostenibile e accessibile. Da oggi a domenica all'interno dell'autodromo ci saranno gli operatori del turismo slow. Una fiera dedicata ai viaggiatori a piedi e in bicicletta, a tutti quelli che vogliono viaggiare in modo differente rispettando l'ambiente, le tradizioni e il territorio. Geografi, autori, scrittore e professori universitari racconteranno il loro punto di vista sull'importanza del turismo lento. I viaggiatori slow sono quelli che sperimentano lo stile di vita dei luoghi, come ricercare la dimensione rurale e l'autenticità (con la ricettività di piccola dimensione e diffusa, preferita agli standard delle catene alberghiere), come ricerca di benessere fisico e spirituale. Una tre giorni di workshop con espositori provenienti da tutta Italia, e appuntamenti promossi dall'Associazione Go Slow Italia. Ma chi è il viaggiatore lento? Secondo una ricerca di Euromonitor ha una scolarità e una condizione economica medio-alta, è ben informato, ha già uno stile di vita improntato al rispetto dell'ambiente. Ama muoversi in treno invece che utilizzare l'automobile e l'aereo, l'auto è presa in affitto per brevi e lenti giri in spazi ridotti, si sposta quasi sempre in bicicletta o a piedi. Preferisce soggiornare in appartamenti, in alberghi diffusi o bike hotel e in case rurali invece che in catene alberghiere e villaggi turistici. Questo tipo di domanda riguarda il 10% dei turisti, giovani e adulti di età compresa fra i 30 e i 40 anni con una percentuale maggiore di donne del 60%. All'interno della tre giorni sono previsti incontri con scrittori e viaggiatori che racconteranno la loro storia, per trasmettere sensazioni e suggestioni intorno alla lentezza intesa come stile di vita.Non mancherà uno spazio dedicato ai bambini, con attività ludiche, pedalate ecologiche, tour a dorso d'asino ed esperimenti in ciclofficina (info: www.bigsitalia.it).