Alstom scalda i motori per la gara Fs e presenta un nuovo treno ad alta velocità

La nuova piattaforma si aggiunge ad una già ampia gamma, che va dai treni «tilting» della famiglia Pendolino, ai treni ad altissima velocità Duplex e Agv. La novità all'Expo ferroviaria di Torino

Alstom ha presentato all'Expo Ferroviaria di Torino - la più importante fiera internazionale in Italia dedicata alla tecnologia ferroviaria - un nuovo modello di treno ad altissima velocità. La nuova piattaforma si aggiunge ad una già ampia gamma, che va dai treni «tilting» della famiglia Pendolino, ai treni ad altissima velocità Duplex e Agv. In un contesto di mercato in cui l'alta velocità si sviluppa in tutto il mondo, gli operatori dei diversi Paesi hanno esigenze, strategie e richieste differenti.
Il mercato dell'alta velocità ha infatti raggiunto un livello di maturità che spinge gli operatori a identificare con sempre maggior precisione i bisogni dei propri passeggeri e di conseguenza a precisare ulteriormente le loro specifiche tecniche. Applicando una logica di continuo miglioramento della propria offerta nell'alta velocità, Alstom prosegue nello sviluppo di nuove proposte, con l'obiettivo di fornire ai clienti un'ampia gamma di opzioni per configurare il proprio treno. Gli operatori possono così posizionare la loro proposta commerciale verso il segmento di mercato che ritengono per loro più rilevante e rivolgersi ad esso in modo più mirato.
Alstom perciò amplia ulteriormente il proprio portfolio di treni ad altissima velocità, aggiungendo nuove opzioni che si combinano in una terza piattaforma: un nuovo treno ad altissima velocità, alta capacità, monopiano, pienamente interoperabile. Questo nuovo treno è basato sul meglio della tecnologia Alstom, che ha dato prova di sé in 30 anni di esperienza con le piattaforme articolate ad altissima velocità (Tgv, Tgv duplex e Agv) e con quelle non articolate (famiglia Pendolino).
Il treno, progettato per una velocità massima di 400 Km/h , avrà una velocità commerciale di 360 km/h grazie al sistema di trazione basato su 8 convertitori di trazione, che alimentano 8 carrelli bimotori, con una potenza totale di 10 mW. Per rendere disponibile il maggior spazio possibile per i passeggeri, tutti gli equipaggiamenti tecnici sono stati alloggiati sotto cassa. Lo spazio interno per i passeggeri è caratterizzato da una elevata modularità e ricofigurabilità per adattarsi alle varie esigenze degli operatori. I pantografi sono stati posizionati in modo tale da mantenere l'altezza all'interno della carrozza alta e costante per tutta la lunghezza del comparto passeggeri. Il treno offre un rapporto ottimale tra superficie, numero di posti a sedere (600) e lunghezza totale (8 carrozze per 200 metri). Il treno sarà in grado di viaggiare attraverso i confini europei: può essere infatti equipaggiato con 3 pantografi ridondati di tipo differente (corrispondenti alle diverse tensioni utilizzate sulle varie linee in Europa: 1.500 volt DC, 3.000 volt DC, 15.000 volt AC, 25.000 volt AC) e con 10 differenti sistemi di segnalamento.
«Questo testimonia la volontà e la capacità di Alstom di offrire prodotti che possano soddisfare i diversi bisogni del mercato, specialmente in quei Paesi in cui l'alta capacità di trasporto è un requisito richiesto e la maggiore larghezza della cassa utilizzata nelle reti ferroviarie implica il ricorso a un treno non articolato» ha spiegato Gian Luca Erbacci, General Manager di Alstom Transport per il Sud Europa. Il nuovo treno si rivolge al mercato mondiale, con la prima opportunità concreta in Italia, nella gara di Trenitalia per 50 treni ad altissima velocità. Alstom ha presentato la propria offerta il 20 maggio, proponendo una versione del nuovo treno appositamente customizzata per rispondere alle richieste del bando di gara. «Alstom ha una solida e storica presenza in Italia, con oltre 2.800 persone in 8 siti di progettazione e produzione. Trenitalia è un cliente importantissimo e questa gara rappresenta per Alstom una priorità» ha spiegato Paolo Covoni, amministratore delegato di Alstom transport Italia «Se Alstom vincerà questa gara, il treno sarà 100% italiano. Sviluppato e integrato a Savigliano, con il contributo dei siti di Sesto San Giovanni, Bologna e Verona, il nuovo treno sarò una referenza italiana capace di proporsi sul mercato internazionale, comparabile con il Pendolino, oggi in servizio in Inghilterra, Svizzera e Russia».
Alstom ha prodotto il 50% dei treni che oggi viaggiano nel mondo a oltre 300 km/h. Dal lancio del primo Tgv nel 1981, Alstom ha venduto 670 treni ad alta velocità, che hanno percorso oltre 2,5 miliardi di chilometri e trasportato 1,5 miliardi di passeggeri. Oggi nel mondo sono in servizio commerciale a velocità fino a 250 km/h oltre 400 treni Pendolino, che hanno percorso oltre 200 milioni di chilometri e trasportato 200 milioni di passeggeri.
L'ultimo modello della famiglia Pendolino è l'Etr600 Frecciargento, in servizio sulla rete italiana da oltre un anno. Nell'ottica del trasporto sostenibile, Alstom transport sviluppa e offre la gamma più completa di sistemi, apparecchiature e servizi del mercato ferroviario. Alstom transport è in grado di gestire un sistema di trasporto completo, dal materiale rotabile al segnalamento alle infrastrutture, e di offrire soluzioni chiavi in mano. Nell'anno fiscale 2009-2010, Alstom transport ha registrato un fatturato di 5,8 miliardi di euro. Alstom transport è presente in oltre 60 Paesi con 27.000 dipendenti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti