Al galoppo

Le corse più belle prima della fine dell'anno

Grandi appuntamenti di qualità agli ippodromi di Pisa, Livorno, Roma, Napoli e Siracusa

Le corse più belle prima della fine dell'anno


Manca poco alla fine di questo significativo 2022, un anno che ha dato speranza a tutti gli appassionati delle corse di cavalli, un anno che ha visto sbarcare sulla piattaforma televisiva del digitale terrestre (canale 151) con commenti appassionati e competenti le corse al galoppo ma anche quelle al trotto. Al netto della doccia fredda del presunto taglio di bilancio alle società di corse finalmente, dopo anni di oblio, si assapora un cambio di tendenza. Il comparto è di nuovo al centro di un progetto anche se la programmazione in grande stile, come avviene in altri paesi, non si vede ancora. La strada potrebbe essere quella giusta.

Una carrellata, doverosa, sulle ultime significative riunioni che si svolgeranno negli ippodromi di Pisa, Livorno, Roma, Napoli e Siracusa: in totale 12 appuntamenti di grande qualità. A Pisa si correrà domenica 18, giovedì 22 e lunedì 26; a Livorno sabato 24 e sabato 31, a Roma venerdì 23 e venerdì 30; a Napoli domenica 18, giovedì 22 e giovedì 29; a Siracusa lunedì 26 e sabato 31. In calendario buone prove sia in termini qualitativi che quantitativi.

Domenica 18 dicembre a Pisa sono in programma 6 gare:
“Pr. Harry Bracci Torsi” condizionata-maiden con dotazione di € 10.120 per cavalli di 2 anni sui 1.200 metri, partenti 8;
“Pr. Cesare Brivio Sforza” Handicap limitato con dotazione di € 10.120 per cavalli di 3 anni sui 1.200 metri, partenti 8;
“Premio Piero Studiati Berni” Handicap con dotazione di € 10.120 per cavalli di 3 anni sui 1.500 metri, partenti 13;
“Pr. Cesare Turri” Handicap limitato con dotazione di € 10.120 per cavalli di 3 anni ed oltre sui 1.500 metri, partenti 7;
“Pr. Stefano Meli” Handicap con dotazione di € 10.120 per cavalli di 3 anni ed oltre sui 2.000 metri, partenti 10;
Chiude il convegno la classica prova per Gentleman ed Amazzoni. La Riunione è dedicata ai Grandi Uomini che hanno fatto crescere l’ippica e l’ippodromo pisano, facendoli apprezzare in tutta Europa e nel mondo.

Sempre il 18 dicembre a Napoli sono in programma 5 gare e noi ve ne segnaliamo tre:
“Pr. Dancing Brave” maiden con dotazione di € 11.000 per cavalli di 2 anni sui 1.400 metri, partenti 10;
“Pr. Sir Ivor” Handicap con dotazione di € 11.000 per cavalli di 2 anni sui 1.000 metri, partenti 7;
“Pr. Tirol” Handicap limitato con dotazione di € 11.000 per cavalli di 3 anni ed oltre sui 1.000 metri, partenti 9.

In questo caso la riunione è dedicata ai grandi cavalli del passato tra cui spiccano Sir Ivor e Dancing Brave (foto in alto), veri e propri cavalli leggendari. Il primo classe 1965, il secondo 1983. Sir Ivor vincitore del “Derby di Epsom, “Two Thousand Guineas” e “Champion Stakes” e Dancing Brave capace di vincere nel 1986 il “King George VI and Queen Elisabeth II” e “Prix de l’Arc de Triomphe” che gli valsero il titolo di “Cavallo europeo dell’anno”, il suo Timeform rating fu pari a 140.

Sir Ivor
Sir Ivor (Youtube)

Dopo queste brevissime pillole di storia ci piace ricordare che venerdì 23 dicembre, a Roma, si correrà il premio “Christmas Older Miler” legato alla popolare scommessa Tris che siamo sicuri regalerà un bel bottino ai fortunati scommettitori che indovineranno la terna.

Sabato 24 dicembre a Livorno sarà di scena il “Premio d’Inverno” un HP di cat. C per i cavalli di 3 anni ed oltre sulla distanza dei 2.250 metri; lunedì 26 a Siracusa il “Memorial Gateano Francicanava” anch’esso un HP di cat. C per i cavalli di 3 anni ed oltre sulla distanza dei 2.100 metri ed il “Criterium d’Inverno” condizionata per i cavalli di due anni sulla distanza dei 2.

000 metri; mentre a Pisa il giorno di Santo Stefano, si correrà la tradizionale Listed Race “Piazza dei Miracoli” per cavalli di tre anni ed oltre sulla distanza dei 2.200, ultima corsa classica del panorama nazionale.

Da non perdere neanche i convegni di Napoli che offriranno interessanti argomenti per valutare i prossimi cavalli che si apprestano al passaggio di età.

Commenti