Al galoppo

Dolcetti e carbone per le corse del weekend della Befana

La settimana del galoppo italiano è ripartita da Napoli e Livorno e si concluderà un po’ in Sicilia e un po’ in
Toscana. Ecco gli appuntamenti più importanti in programma

Dolcetti e carbone per le corse del weekend della Befana


Dopo un bel finale di stagione ed un primo dell’anno pisano che ha offerto buoni spunti tecnici e visto tornare alla vittoria Crystal Drake (foto in alto), grazie a un ottimo allungo finale dopo una gara tutta all’avanguardia, la settimana di Befana del galoppo italiano è ripartita da Napoli e Livorno e si concluderà un po’ in Sicilia e un po’ in Toscana. In Sicilia è previsto l’Handicap principale di Cat. A “Gaetano Mazzarella” mentre in Toscana inizia la lunga volata verso le giornate clou dei salti.

Segnaliamo che martedì scorso è tornato alla vittoria Frozen Juke con in sella Dario Junior (non ce ne voglia il promettentissimo Di Tocco) che a grandi balzi si sta avvicinando all’immensa classe di Dario Senior (a secco nella riunione, una vera notizia). Mercoledì, nella corsa TQQ, con premio raddoppiato sui 1.500 metri, ha vinto il coriaceo e sempre positivo Maitola con a bordo Dario… Di Tocco appunto! Questo l’ordine d’arrivo ufficiale Maitola, Love Tear, Rise at dawn, Dayron, Miss Baker che tradotto in numeri è: 5-8-10-4-2. Ritirati il n. 1 e 9 dello schieramento, le quote oseremo dire più che popolari ma questo significa che hanno vinto in molti.

Ma torniamo al giorno della Befana, la riunione di Siracusa si compone di sei corse e come scritto in precedenza, la corsa centrale è il HP A dedicato a Gaetano Mazzarella, una delle “colonne” dell’Ippodromo del Mediterraneo, grande uomo e appassionatissimo di cavalli scomparso alcuni anni fa. La corsa è sulla distanza dei 1.600 metri e per cavalli di 4 anni ed oltre con una dotazione di 31 mila e 900 euro.

Mazzarella 2023


Concorreranno in 10 per il prestigioso premio, il nostro favorito è Keniote, cavallo di 4 anni che nel periodo è sempre andato a premio. Il suo ultimo secondo posto, sulla veloce pista pisana è un ottimo risultato e fa ben sperare. Come alternativa Only Time, il peso massimo che vince nelle due ultime uscite e con una cadenza mensile che lo fa presumere ancora in ordine e per chiudere la trio, a pari merito Tenzig e Charlie’s jamboree che hanno fatto della pista di Siracusa il loro parco giochi.

Per la serie "corsi e ricorsi storici", l’anno scorso il Premio Mazzarella fu vinto da Power Sail e della partita furono anche Tenzig (2°), Charlie’s Jamboree (5°), Dream Painter (7°) e Axcelerator (10°).

Le altre cinque corse sono dedicate ai marchi di automobili più famosi al mondo: le condizionate “Lamborghini” partenti 6 e “Mercedes” partenti 8, gli Handicap “Ferrari”, “Porsche” e “Lotus” tutte e tre con 6 partenti. Insomma un pomeriggio ad alta velocità che cavalli e fantini onoreranno sicuramente.

A Pisa entra nel vivo la stagione dei salti, sette le corse in programma di cui tre proprio di specialità. Tre condizionate che saranno di preparazione agli attesi Gran Premi di Febbraio. E molto spesso chi vince a Gennaio si ripete a Febbraio, quindi seguite con attenzione gli eventi…

Monravel

Nostri favoriti: La scuderia (Beau Saonis, Volunteers), Fly filo fly.

Belbuk, partenti

Nostri favoriti: La scuderia (Black Star, Sopran Meneghino), Bad Drake, Burschi


Per quanto riguarda le corse in piano, da segnalare la condizionata-maiden “Pr. Ennio Rinaldi” per i tre anni sulla distanza dei 2.000 metri, pochi i partenti (6) agli ordini dello starter ma con la speranza di ben figurare, certamente la corsa di domenica pomeriggio sarà un banco di prova importante per iscriversi alle classiche pools sulla distanza di marzo-aprile. NF: Budrio, Shawnee.

Mentre scriviamo il terreno di Siracusa è dichiarato buono mentre quello pisano leggermente pesante ma se non pioverà l’ottimo drenaggio di cui è dotato l’anello pisano lo farà tornare allo standard ottimale.

Ultima notizia… la Befana sarà presente sia a Pisa che a Siracusa, quindi non abbiate timore, ci saranno tante caramelle e dolcetti ma anche un po’ di carbone, perché si sa, non tutti sono buoni.

Le curiosità

Chi è Crystal Drake? Baio italiano di 4 anni, figlio di Full Drago e Crystal Tour, che il 7 novembre 2021 arrivò secondo nel Premio Guido Berardelli, prova di GR3 dietro ad un certo Ardakan. Un infortunio lo ha costretto ai box per un anno; rientrato a novembre ha sempre corso in progresso e il primo dell’anno ha suggellato il pieno recupero con un primo posto di spessore, un buon auspicio per lui ed il suo proprietario che ne è anche l’allenatore, Stefano Botti, insieme al padre Alduino (foto in alto: Crystal Drake, l’arrivo solitario nel “Premio Hippoweb.it” - fotogramma Masaf).

Chi è Frozen Juke? Baio irlandese di 7 anni, figlio di Frozen Power e Labba, in carriera corre 37 corse vincendone 17 e arrivando 4 volte secondo e 7 volte terzo, con un guadagno totale di € 253.381. Vince 3 Listed Race, 13 condizionate e la corsa al debutto datato 8 giugno 2018. Si piazza terzo in due corse di GR3 ed una di GR2 (fonte: opendata Snai).

Frozen Juke
Fotogramma Masaf

Commenti