Anche i Sirietto si tingono di giallo, ma si vota

Dopo le biciclette di «BikeMi», anche i nuovissimi Sirietto si tingono di «giallo Milano». Un prototipo del più corto dei nuovi tram è già in circolazione sulla linea 14, dal Cimitero Maggiore al Lorenteggio passando per il centro, mettendo in mostra la nuova livrea. E dalla prossima settimana scatterà un sondaggio on line sul sito di Atm (www.atm-mi.it) per sapere se il nuovo look piace ai cittadini. La prima a tornare alle origini è stata la «Carrelli» del 1928: il tram simbolo di Milano ha abbandonato l’arancio per tornare alla sua livrea originale ribattezzata subito «giallo Milano». Dal dicembre del 2007 ad oggi sono stati rinnovati 50 tram, e la stessa combinazione bicolor giallo-bianco è stata scelta anche per le 1.500 bici del bike sharing in circolazione. Ora tocca ai Sirietto, se il test verrà promosso dai milanesi su internet.
Che piacciano o no, non potranno scomparire dalle strade del centro invece, come hanno chiesto nei giorni scorsi alcuni conducenti dei mezzi pubblici, i bus autosnodati da diciotto metri. Quelli da 35 metri sono usati invece su linee a grande domanda di trasporto, come la 95 o la 94. Atm precisa che il presidente Elio Catania non si è mai impegnato a spostarli dal centro. Un’obiettivo piuttosto quasi raggiunto per i tram lunghi, da 35 metri. L’azienda di trasporti nei primi sei mesi dell’anno è riuscito ad eliminare il 70 per cento di questi modelli dal centro città - ad esempio tra zona Duomo e Cordusio - e li ha sostituiti con i Sirietto da ventisei metri, più agevoli da manovrare per gli stessi conducenti. I tram lunghi sono stati utilizzati per le linee dirette verso fuori città, a grande domanda di trasporto: ad esempio sulla linea 31 che collega Milano con Cinisello, oppure il 15 da piazza Fontana a Rozzano o ancora il 4 che arriva fino al Parco Nord.

Commenti