Annullata la mostra su Duilio Loi Il Comune: «L’esposizione si farà»

Botta e risposta tra Bonaria Loi, figlia di Duilio Loi, il pugile scomparso a gennaio dello scorso anno, e la Regione Lombardia. A dare il via alla polemica l’annuncio della sospensione della mostra dedicata al campione mondiale dei superleggeri, intitolata «La Milano di Loi», che avrebbe dovuto essere inaugurata il 17 settembre ed è invece stata annullata all’ultimo momento per problemi burocratici. Ma a salvarla ci pensa il Comune di Milano che è entrato nella querelle: «La mostra si terrà - ha assicurato l’assessore allo Sport Alan Rizzi - mi sono speso personalmente come per nessun altro evento e garantisco che la mostra si farà, anche se la signora Loi non ha presentato il bando in modo corretto». La mostra doveva essere composta da un centinaio di pannelli fotografici curato da Vito Liverani, per ripercorrere la fulgida carriera del pugile italiano, inserito nella Hall of fame: «Si tratta di una sconfitta cocente per me - ha affermato Bonaria Loi - ma ritengo ancora più per coloro che rappresentano la città e la Regione, insensibili al ricordo di un campione riconosciuto in tutto il mondo. Ringrazio gli organizzatori del Miloc, il mondiale dilettanti (in corso al Mediolanum Forum di Assago, ndr), per avere accolto alcune gigantografie degli incontri di papà». Non si è fatta attendere la replica della Regione Lombardia, «sempre disponibile a sostenere manifestazioni sportive, purchè vengano rispettati i criteri previsti dai bandi, cosa che in questo caso non è avvenuta».