Antielusione per 500 milioni

Antielusione per 500 milioni

L’ulteriore stretta sui dividend washing decisa venerdi scorso dal governo vale oltre 500 milioni di euro per il 2006, 100 nel 2007 e 250 nel 2008. Il dettaglio sulle entrate attese dal nuovo meccanismo anti elusione è contenuto nella relazione previsionale e programmatica della Finanziaria 2006 che il governo ha presentato ieri sera al Senato. Il meccanismo scelto è invece specificato nell’emendamento al decreto fiscale: l’indeducibilità varrà per i dividenti incassati nei 36 mesi antecedenti il realizzo della minusvalenza e non più 24 mesi. Il giro di vite sulla participation exemption fa parte del pacchetto che il governo ha messo a punto per recuperare gli incassi della vendita di immobili che nel 2005 si sono rivelati sotto le aspettative. La manovra correttiva vera e propria - si legge ancora nella relazione - sale da 11,5 a 16,2 miliardi e vale l’1,1 punti di Pil. L’entità complessiva della manovra sale quindi a 23,9 miliardi. Oltre alla correzione del deficit ci sono 4 miliardi per eccedenze di spesa e 3,5 miliardi per la famiglia e competitività. Confermati anche i tagli a Fs e Anas annunciati venerdì dal ministro dell’Economia Tremonti. Le Ferrovie dovranno rinunciare a 1,2 miliardi, ma i piani di sviluppo dell’azienda - hanno precisato i vertici Fs - non cambiano. «Gli investimenti non subiranno variazioni» e le compensazioni arriveranno «facendo ricorso a risorse interne.

Commenti