Archeologia, scoperto a Gerusalemme un grande palazzo romano

L'edificio, notevole per le dimensioni (oltre mille
metri quadrati), gli affreschi e reperti (monete,
statuette di marmo e monili d'oro), sarebbe
stato distrutto dal terremoto del 363. E la sua
localizzazione rivoluziona le ipotesi tradizionali
sui confini della città del tardo impero

Un «sontuoso» palazzo romano di due piani, di oltre mille metri quadrati, è stato rinvenuto nel parco archeologico della Città di David (il nucleo originario di Gerusalemme), poco fuori le mura attuali della Città Vecchia di Gerusalemme. In precedenza gli archeologi ritenevano che le rovine romane del III secolo dopo Cristo si estendessero solo fino ai bordi delle mura della città vecchia ottomana. Ma la scoperta di questo palazzo nell'area del parcheggio Givati, fuori dalle mura e adiacente alla Città di David, suggerisce che le costruzioni romane arrivassero fino al fondo della Valle di Silwan. Lo ha spiegato Doron Ben-Ami, direttore degli scavi, al «Jerusalem Post», secondo quanto riferisce il sito internet Israele.net.
«La scoperta ci ha sorpresi - dice Ben-Ami -. Non ci aspettavamo di trovare resti di costruzioni romane entro la Città di David. Le dimensioni degli edifici sono sorprendenti: finora abbiamo scoperto mille metri quadri e la struttura si estende ancora al là dei limiti dell'area di scavo».
Secondo Ben Ami, il ritrovamento ha già rivoluzionato la cognizione degli storici sull'insediamento romano a Gerusalemme. «La supposizione prevalente tra gli studiosi che la collina della Città di David restasse fuori dalla zona dell'insediamento romano al tempo di Aelia Capitolina (dal II secolo dopo Cristo) non è più valida», spiega Ben-Ami.
La fastosità dell'edificio è provata dalle sue dimensioni e dai manufatti recuperati all'interno della struttura, sottolinea un comunicato della Antiquities Authority. Al centro c'era un grande cortile aperto, circondato da colonne. Tra le colonne e le camere accanto al cortile correvano delle gallerie. L'edificio si ergeva per due piani e era coperto da tetti di tegole. Tra le rovine è stata trovata una quantità di frammenti di affreschi, da cui gli archeologi hanno dedotto che alcuni dei muri delle stanze fossero intonacati e decorati con pitture colorate. I disegni colorati che ornavano le pareti intonacate consistevano principalmente in motivi geometrici e floreali. La ricchezza architettonica, la planimetria e in particolare i manufatti ritrovati tra le rovine attestano il carattere inequivocabilmente romano dell'edificio. I reperti più notevoli sono una figurina di marmo raffigurante un pugile e un orecchino d'oro con pietre preziose incastonate.
L'edificio, costruito durante il III secolo dopo Cristo, fu colpito da un terremoto nel IV secolo le cui conseguenze sono ancora evidenti nell'area degli scavi: i muri cedettero e le pietre crollate, ammucchiate al suolo, coprirono i muri del piano terra, alcuni dei quali sono ancora in piedi e raggiungono una considerevole altezza. Le monete trovate tra le macerie e sui pavimenti suggeriscono che il crollo del palazzo avvenne intorno al 360.
«Abbiamo la testimonianza archeologica degli effetti del terremoto che colpì la nostra regione nel 363», spiega Ben-Ami, che aggiunge: «Non conosciamo altri edifici del periodo romano scoperti in Israele che abbiano una planimetria simile a quella di questo edificio. I paralleli contemporanei più vicini sono situati in siti del II-IV secolo scavati in area siro-libanese. Si tratta di palazzi urbani del periodo romano scoperti ad Antiochia, Apamea e Palmira. Se il parallelo è corretto allora, nonostante le dimensioni e l'opulenza, significherebbe che l'edificio era nato come residenza privata».

Commenti