Atp di Montreal: Federer e Murray ok. Ora tocca a Nadal

Lo spagnolo - che rientra dopo due mesi di stop per infortunio - in campo questa notte contro il connazionale Ferrer

Tutto liscio per i big in attesa di Rafa Nadal. Il Masters 1000 di Montreal promuove i favoriti, che superano in gruppo gli ostacoli del secondo turno sul cemento canadese. Nessun problema, o quasi, per lo svizzero Roger Federer.
Il numero 1 del mondo ha sconfitto il canadese Frederic Niemeyer per 7-6 (7-3), 6-4 riprendendo il feeling con la vittoria interrotto oltre un mese fa. Dal trionfo nel torneo di Wimbledon, all'inizio di luglio, Federer si è dedicato alla famiglia: è diventato padre, con la nascita di due gemelle, e ora è pronto per tornare a lavorare. «Sono soddisfatto della mia partita, era il primo match dopo 5 settimane e ho reagito bene. Lo stadio era pieno e il pubblico ovviamente tifava per Frederic, ma c'era anche qualcuno che sosteneva me. Sono felice per la mia prestazione, è stata una partita di alto livello», dice il fuoriclasse di Basilea.
Ha faticato poco anche Andy Murray. Lo scozzese, numero 3 del ranking, ha liquidato il francese Jeremy Chardy per 6-4, 6-2, piazzando 9 ace e salvando 6 palle break. «Ho cominciato bene e ogni volta che mi sono trovato in una situazione difficile sono riuscito a trovare grandi colpi o l'aiuto del servizio, questo alla fine ha fatto la differenza», dice Murray. «C'è stato qualche momento difficile. Ho dovuto fare i conti con una serie di palle break, ma è sempre positivo quando si riesce a rimediare a queste situazioni. Questo è il motivo di maggior soddisfazione: nei momenti difficili, ho risolto tutto con colpi vincenti», aggiunge lo scozzese, che nel ranking è avviato a soffiare la seconda posizione a Nadal.
Promosso all'esordio anche Novak Djokovic, numero 4 del seeding. Il serbo ha dato spettacolo in campo e fuori. Ha sconfitto 6-4, 7-6 (8-6) il canadese Peter Polansky e si è anche distinto per le qualità di modello. Ha partecipato alla serata fashion organizzata a Montreal dallo stilista Yves Jean Lacasse, sfilando con passo felpato e mostrando una giacca in stile orientale. Il 21enne di Belgrado ha chiuso l'esibizione sfilandosi il kimono e rimanendo in biancheria intima. Ha altri pensieri, invece, Rafa Nadal. Il mancino di Mallorca scenderà in campo per affrontare il connazionale David Ferrer. Per Nadal si tratta del primo match dopo oltre 2 mesi di stop. L'ex numero 1 del mondo, costretto ad un lungo stop dai problemi alle ginocchia, non gioca dalla fine di maggio, quando è stato eliminato dallo svedese Robin Soederling negli ottavi di finale del Roland Garros. Gli acciacchi hanno costretto il fuoriclasse iberico a disertare anche il torneo di Wimbledon.

Commenti