Sport

Baseball: Parma mette paura a Bologna e torna in corsa per lo scudetto

Vincendo la terza finale a Bologna i ducali dimezzano le distanze dalla rivale. Decisivo il lanciatore Corradini. Stasera sempre a Bologna gara quattro. Scattano anche le finali del campionato federale (ex A2) con Codogno-Anzio e Reggio Emilia-Milano

Parma torna a respirare, Bologna deve rimettersi in carreggiata. Dopo il successo dei ducali in gara tre delle finali del baseball, lo scenario dello scvudetto si è riaperto. E la sfida di questa sera a Bologna potrebbe diventare l'ago della bilancia di tutta la serie finale.
È Roberto Corradini, lanciatore del Parma, ha firmare sostanzialmente la vittoria per 6-0 della squadra di Gibo Gerali. Il pitcher conduce una gara di grande concretezza, supportato da una difesa che fa capire di non avere ceduto d'un centimetro in termini di determinazione, a cominciare dal primo inning, quando Infante prova a segnare dalla seconda base su singolo di Ramos, dopo un'incertezza di Zileri, che però lo fulmina sul piatto con un'assistenza perfetta nel guanto di Bertagnon. Il partente di Parma fa preoccupare il suo pubblico solo nel quinto inning, quando, dopo un lancio, è costretto a ricorrere alle cure dei sanitari per un dolore alla mano destra, ma gli bastano poi 4 lanci per occuparsi personalmente dell'eliminazione di Malengo e Santaniello, che toccano la palla direttamente verso il monte.
Corradini e Betto ingaggiano sul monte di lancio una gara nella gara fatta di ampie curve; Betto lascia il campo all'ottavo, con un out, 115 lanci nel braccio e dopo la base a Camilo, cedendo il posto ad Alessandro Ularetti, ma il vero protagonista della serata è Roberto Corradini, che cancella i fantasmi di garadue ed esce dal Gianni Falchi con una vittoria fondamentale, shutout e completa in 117 lanci, che rilancia la squadra di Gerali nella corsa tricolore.
Nel frattempo scattano anche i playoff della serie A federale con le semifinali che opporranno Codogno e Anzio da una parte, Reggio Emilia e Senago-Milano United dall'altra. I milanesi in particolare tornano a respirare aria di vertice a dodici anni dalla loro ultima apparizione in serie A e aspettano di vedere se il progetto dell'italo-americano John genzale per il rilancio di questa storica piazza potrà andare in porto. Peccato solo che ieri il presidente federale Fraccari abbia gelato un po' le attese della franchigia lombarda dicendosi pessimista sulla possibilità di allargare il massimo campionato dalla prossima stagione. Per fortuna la tavola rotonda indetta dalla federazione aveva per titolo "Quale futuro per l'IBL": stando alla risposta del presidente il destino del baseball italiano sembra proprio irrimediabilmente confinato sulla via Emilia.

Commenti