Cinema

Bellocchio pigliatutto anche ai "Nastri"

Sette premi per il film "Rapito". Bobulova "consola" Moretti

Bellocchio pigliatutto anche ai "Nastri"

Ascolta ora: "Bellocchio pigliatutto anche ai "Nastri""

Bellocchio pigliatutto anche ai "Nastri"

00:00 / 00:00
100 %

Trionfa ancora una volta Marco Bellocchio ai Nastri d'Argento 2023. Dopo il successo di Esterno notte tra le Grandi Serie, il regista con Rapito vince il premio per il miglior film e per la migliore regia ma anche per la migliore attrice protagonista Barbara Ronchi, la sceneggiatura ancora di Bellocchio e Susanna Nicchiarelli in collaborazione con Edoardo Albinati e Daniela Ceselli, l'attore non protagonista Paolo Pierobon e il montaggio di Francesca Calvelli e Stefano Mariotti.

Il film, racconto di una storia drammatica e minuziosa ricostruzione storica, vince anche per la produzione IBC Movie (Beppe Caschetto) Kavac Film (Simone Gattoni) e Rai Cinema (Paolo Del Brocco). Scorrendo l'elenco dei premi e dei titoli vincitori, il verdetto votato dai Giornalisti Cinematografici mai come quest'anno premia con il cinema d'autore cultura e novità: con i sette Nastri al cinema di Bellocchio, nel palmarès di quest'edizione dedicata ai film #soloalcinema, una selezione di quaranta titoli tra i quali i premiati ieri sera a Roma Nastri e premi speciali al Maxxi.

Ed è un Nastro di eccellenza il successo collettivo de La stranezza, il film di Roberto Andò che ha siglato una svolta eccezionale nel rapporto col pubblico ma per la prima volta anche nella joint venture produttiva tra Rai Cinema e Medusa Film. Ancora: Nastri d'Argento a Giuseppe Fiorello, miglior esordio per Stranizza d'amuri, premiato anche con il Nastro della legalità e per i due giovani protagonisti; a Sydney Sibilia il Nastro d'Argento per la migliore commedia Mixed by Erry, premiata anche per la produzione Groenlandia con Rai Cinema in collaborazione con Netflix, la scenografia di Tonino Zera e la casting director Francesca Borromeo.

Nastri d'Argento per Alessandro Borghi e Luca Marinelli, i migliori protagonisti per Le otto montagne, di Barbora Bobulova migliore attrice non protagonista per Il sol dell'avvenire di Nanni Moretti, Pilar Fogliati migliore attrice di commedia per Romantiche di cui è anche regista e Antonio Albanese miglior attore di commedia per Grazie ragazzi di Riccardo Milani. «Nastri speciali» a Giovanna Ralli, Michele Placido, Giovanni Veronesi e a Valeria Bruni Tedeschi il «Nastro d'Argento Europeo» per Forever Young - Les amandiers.

RS

Commenti