Benedetto XVI a Cipro: "Musulmani sono fratelli convivenza è necessaria"

Dopo il blitz di Israele contro i pacifisti diretti a Gaza, Papa Benedetto XVI invita tutti "alla pazienza" e "al coraggio di ricominciare". La nave Rachel Carrie verso Gaza, gli attivisti: "Persi i contatti radio"

Benedetto XVI a Cipro: 
"Musulmani sono fratelli 
convivenza è necessaria"

Cipro - Dopo il blitz di Israele contro i pacifisti diretti a Gaza, Papa Benedetto XVI invita tutti "alla pazienza" e "al coraggio di ricominciare". È l’esortazione fatta durante la conferenza stampa in aereo, nel viaggio verso Cipro. "In tutti questi episodi che viviamo - ha spiegato il Pontefice - c’è sempre il pericolo che si perda la pazienza, che si dica adesso basta e che non si voglia più cercare la pace". Invece, ha esortato, "ogni giorno dobbiamo imitare Dio nella sua pazienza; dopo tutti i casi di violenza, non bisogna perdere la pazienza ed avere il coraggio di ricominciare". Il compito della Santa Sede, ha rimarcato, è proprio questo: "Creare la disposizione del cuore per ricominciare di nuovo, nella certezza che possiamo andare avanti, che la violenza non è la soluzione".

"Musulmani sono fratelli" Il Papa ha esortato tutti i cristiani ad avere "una comune capacità" di dialogo con i musulmani che - ha riaffermato con forza - "sono nostri fratelli nonostante le diversità". Di ciò Benedetto XVI ha parlato durante la conferenza stampa in aereo, nel viaggio verso Cipro. Parlando a proposito del prossimo sinodo Vaticano sul Medio Oriente (10-24 ottobre 2010), Papa Ratzinger ha auspicato che l’assemblea faccia crescere il dialogo tra i cristiani ma anche "la comune capacità di dialogo con i fratelli musulmani". Il suo "incoraggiamento" è quello - ha detto - di "continuare con una visione comune e nonostante tutti i problemi nel dialogo con loro". "Tutti i tentativi per una convivenza sempre più fruttuosa e fraterna - ha aggiunto - sono molto importanti".

 

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti