Bigliettini sospetti in aula Preziosi: «Processo da rifare»

Gianpaolo Palazzo

Il Genoa pensa di avere in mano quattro fogli che potrebbero far riflettere i giudici della Caf. I bigliettini per il collegio difensivo genoano, sarebbero stati scritti da un componente della camera di consiglio della Commissione di Appello Federale che si è riunita venerdì presso l’Hotel Aldrovandi di Roma e poi nella sede della Federcalcio di via Po. La Caf, presieduta dal prof. Cesare Martellino, dopo aver esaminato i ricorsi relativi al caso di combine di Genoa-Venezia, emetterà domani mattina la sentenza. Nello studio dell’avvocato milanese Lorenzo Crippa, difensore di Preziosi, la prima pagina del biglietto scritto su carta intestata della Figc riporta le parole: «Guarda il viso di Preziosi, un fe...o». Subito sotto, dopo una linea tracciata sul foglio, si può leggere: «Sull’Espresso hanno riassunto la vita e le attività del soprascritto, sapessi che fesso». Sul secondo appunto, maggiormente contestato, c’è scritto: «La esclusione dalla serie B. Il consiglio federale poi l’assegna o/(al) campionato di C1 C2 o dilettanti», poi «...l’autonomia dell’ordinamento sportivo è come quella dell’ordinamento (segue una parola incomprensibile, ndr) e la pluralità degli ordinamenti giuridici di Santi Romano (giurista, ndr) è una stronzata?».
«La nostra richiesta – commenta l’avvocato Crippa – è che venga sospesa la camera di consiglio e che si cominci tutto da capo», mentre al telefono Enrico Preziosi suggerisce che le annotazioni proverebbero che «la sentenza» della Caf «era stata redatta prima dell’udienza» e che durante la stessa qualcuno dei giudici dormisse e addirittura «russasse». Il presidente genoano ricorda anche la precedente lettera, scritta dal presidente della Commissione Disciplinare, Claudio Franchini, a un tifoso, dopo il giudizio di primo grado. Il giudice scriveva che sul Genoa potrebbero aver pesato «vicende extracalcistiche che riguardano aziende e che, la mia è solo una impressione, hanno, devono avere contato molto».
Chiamati al telefono anche il professor Franco Coppi e l’avvocato Alfredo Biondi, auspicano un intervento della giustizia sportiva: «Non abbiamo necessità di prendere decisioni entro la notte. Stiamo alla finestra – afferma Coppi – vediamo che succede e poi vedremo a mente fresca quello che dovremo fare». Per l’avvocato Biondi il contenuto del foglio è «l’anticipazione non di un giudizio, ma di un pregiudizio». In merito alla vicenda dei bigliettini la Federcalcio potrebbe rispondere già oggi con una propria nota.

Commenti

Grazie per il tuo commento