La bussola per orientarsi nella crisi iraniana

Dall'onda verde ai pasdaran, passando per il guardiani della Costituzione e le guardie rivoluzionarie. Vi spieghiamo i termini più ricorrenti nelle cronache dall'Iran

La bussola per orientarsi nella crisi iraniana

Milano - Proseguono manifestazioni e violenze in tutto l'Iran. Non si placa la rabbia dell'opposizione per l'esito delle elezioni presidenziali, che hanno visto la conferma al potere di Ahmadinejad con una schiacciante percentuale di voti. Non è facile capire bene cosa sta avvenendo a Teheran e dintorni. Per questo vi proponiamo un glossario sui termini più ricorrenti nei resoconti sulla crisi in Iran. 

Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione Sorta di Corte Costituzionale italiana, vigila sulla compatibilità delle leggi con la Costituzione dell’Iran e con l’Islam. È composto da 6 religiosi nominati dalla Guida Suprema e da 6 giuristi, in genere anch’essi religiosi. L’organo controlla anche la validità delle candidature al parlamento.

Il Corpo delle Guardie Rivoluzionario Islamico E' un corpo militare, istituito dopo la rivoluzione islamica del 1979.

I pasdaran o Guardiani della rivoluzione Sono i corpi speciali popolari dei volontari d’assalto, istituiti dopo l’avvento al potere dell’ayatollah Khomeini (1979) con il compito di difendere la repubblica islamica fino alla morte. Attualmente fedeli al Capo spirituale del Paese, il Grande ayatollah Alì Khamenei.

Milizie Basiji Corpo interno ai pasdaran, arruolamento su base volontaria. Sono composte dai più giovani tra i pasadarn.

Onda verde Movimento del candidato moderato Mir Hossein Moussavi, all’opposizione. Il verde è uno dei simboli più evocativi dell’Islam sciita, che contraddistingue i Seyed, i discendenti da Maometto e dalla famiglia del Profeta.

Garde vishe Truppe speciali motorizzate bardate di nero che sono la punta di lancia dell’apparato di sicurezza per spezzare la protesta.

Commenti