Calcio

"Non ti dimenticheremo". Il mondo dello sport piange Gianluca Vialli

Le principali reazioni social alla notizia della morte di Gianluca Vialli, scomparso a soli 58 anni

"Non ti dimenticheremo". Il mondo dello sport piange Gianluca Vialli

La scomparsa di Gianluca Vialli rende già amaro questo 2023. L'ex attaccante di Sampdoria, Cremonese, Juventus, Chelsea nazionale italiana stava lottando dal 2017 contro un tumore al pancreas e a distanza di oltre cinque anni ha purtroppo perso la sua battaglia. 12 anni tra le fila della Sampdoria, club nel quale si è fatto conoscere al grande calcio e dov'è esploso, che gli ha dedicato una toccante lettera.

"C’è già chi ti immagina tra Paolo e Vuja, felici di riabbracciarti ma altrettanto stupiti di rivederti così presto. Sì, presto Luca. Troppo presto. Dicono che non si sia mai pronti per salutare un compagno di viaggio e, purtroppo, è davvero così. Il tuo compagno di viaggio – come avevi deciso di chiamarlo – ti ha fatto scendere dal treno a 58 anni, strappando infame il tuo biglietto per nuovi orizzonti e traguardi. Un biglietto per la vita che, in fondo, valeva un po’ per tutti i tifosi blucerchiati", inizia così la lettera del club blucerchiato.

Ciao Luca. pic.twitter.com/8KAo9BsYaC

"Di strada insieme ne abbiamo fatta parecchia, crescendo e cercando, vincendo e sognando. Sei arrivato ragazzino, ti salutiamo uomo. Ti ricorderemo ragazzo e centravanti implacabile, perché gli eroi son tutti giovani e belli e tu, da quell’estate 1984, sei stato il nostro eroe. Forte e bellissimo, con quel 9 stampato sulla schiena e il tricolore cucito sul cuore. Condottiero della Sampdoria più forte, in coppia là davanti con il tuo gemello Bobby Gol. In tre parole: uno di noi. Alla moglie Cathryn, alle figlie Olivia e Sofia e a tutta la famiglia Vialli le più sentite condoglianze da parte della società", la chiusura della toccante lettera intrisa di lacrime e amarezza.

Anche la Lega Serie A ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa di un grande uomo: "Con profondo dolore e commozione la Lega Serie A si stringe alla famiglia di Gianluca Vialli, irripetibile protagonista del nostro calcio che sarà per sempre ricordato per le sue doti da calciatore, ma soprattutto per l'indimenticabile lezione di vita che ha saputo dare".

Non solo, perché anche la nazionale italiana di calcio ha voluto dire grazie a Vialli, uno degli artefici insieme al suo amico Roberto Mancini, della vittoria di Euro 2020:

Anche diversi club di Serie A come Juventus, Inter, Napoli e Milan hanno espresso il loro dolore per la scomparsa del campione.

"Un campione in campo e nella vita: Vialli è stato un nobile avversario e un esempio di coraggio. Il nostro cordoglio va alla famiglia e agli amici di Gianluca", il tweet dell'Inter.

Un semplice ma efficace "Ciao Gianluca" da parte della Juventus:

Il club bianconero ha poi pubblicato una lettera per salutare il suo ex giocatore: "Che tristezza infinita, Gianluca. Oggi, 6 gennaio 2023, arriva la notizia che speravamo di non ricevere mai. Ci lascia un campione, anzi, una leggenda, un grande uomo, un pezzo di noi e della nostra storia. Siamo stati con te da sempre, Gianluca: da quando arrivasti nel 1992 e fu amore a prima vista. Eri uno dei primi tasselli di una Juve che sarebbe tornata, proprio con te, in cima all’Europa. Di te abbiamo amato tutto, ma proprio tutto: il tuo sorriso, il tuo essere contemporaneamente campione e leader, in campo e in spogliatoio, il tuo essere adorabilmente guascone, la tua cultura, la tua classe, che dimostrasti fino all’ultimo giorno in bianconero. I nostri momenti più belli di quegli anni portano inevitabilmente a qualcosa che ti racconta: quell’esultanza, alla rimonta completata contro la Fiorentina nel 1994, quando tutto lo stadio era avvolto da un boato e tu no, prendesti la palla e dicesti “andiamola a vincere”. E sappiamo come andò a finire. Quella Coppa, che alzasti al cielo in una notte tiepida di Roma, intervallando con quell’attimo infinito un pianto dirotto che iniziò al momento del rigore decisivo. E quel pianto era il nostro: dolcissimo".

Il presidente Aurelio De Laurentiis e tutto il Napoli hanno espresso il loro cordoglio:

Anche il Milan ha voluto ricordare l'uomo e il giocatore:

Il Chelsea, suo ultimo club prima del ritiro da calciatore, ha reso omaggio al grande campione:

Il presidente della Figc Gabriele Gravina ha spiegato come su tutti i campi di calcio verrà osservato un minuto di silenzio per omaggiare uno degli attaccanti più forti della storia del calcio italiano: "Sono profondamente addolorato, ho sperato fino all'ultimo che riuscisse a compiere un altro miracolo, eppure mi conforta la certezza che quello che ha fatto per il calcio italiano e la maglia azzurra non sarà mai dimenticato. Senza giri di parole: Gianluca era una splendida persona e lascia un vuoto incolmabile, in Nazionale e in tutti coloro che ne hanno apprezzato le straordinarie qualità umane".

Commenti