Le pagelle di Spagna-Francia: Yamal sugli scudi. Mbappé assente ingiustificato

Tra le Furie Rosse tutti promossi con menzione particolare per Yamal, Rodri e Dani Olmo. Nella Francia male Dembélé e Koundé ma anche Mbappé avrebbe dovuto fare di più

Le pagelle di Spagna-Francia: Yamal sugli scudi. Mbappé assente ingiustificato

La Spagna di Luis De La Fuente vince per 2-1 in rimonta contro la Francia di Didier Deschamps e vola in finale ad Euro 2024. Tra le fila delle Furie Rosse tutti promossi con una menzione particolare per Lamine Yamal che diventa il marcatore più giovane della storia degli Europei. Benissimo anche Dani Olmo e Rodri, dominatore incontrastato a centrocampo. Tra le fila dei francesi si salvano in pochi con Dembélé e Koundé i peggiori in campo per distacco con Mbappé, che avrebbe dovuto fare molto ma molto di più. Ecco i voti del match disputato alla Allianz Arena di Monaco di Baviera.

Le pagelle della Spagna

Unai Simon 6,5: Incolpevole sul gol di Kolo Muani, è sempre bravo e attento nelle letture e nei pochi interventi in cui è chiamato in causa.

Jesus Navas 6,5: Tiene in gioco Mbappé sul gol dell'1-0 francese ma la sua prova è assolumtamente positiva. Compirà 39 anni il prossimo 21 novembre ma la sua esperienza ha fatto la differenza in una partita così delicata per la Spagna. Esce per infortunio (dal 58' Dani Vivian 6: Entra in un momento delicato e contro un avversario complicato come Mbappé ma non sente la pressione).

Nacho Fernandez 6,5: Gioca per la squalifica di Le Normand ma si fa trovare pronto. Di testa le prende tutte ed è sempre al posto giusto nel momento giusto.

Aymeric Laporte 6: Mezzo punto in meno perché si perde malamente Muani sul gol del vantaggio della Francia. Cresce alla distanza e prende le misure agli attaccanti avversari

Marc Cucurella 6,5: Spinge poco ma è sempre prezioso. Gioca con il peso dei fischi, ingiusti, da parte di molti tifosi tedeschi assiepati sugli spalti. Si conferma un punto fermo delle Furie Rosse.

Spagna-Francia

Rodri Hernandez Cascante 8: Il giocatore del Manchester City è quello più importante della Spagna per qualità e quantità. A centrocampo domina in lungo e in largo ed è ovunque.

Dani Olmo 7,5: Gioca per l'indisponibilità di Pedri ma nel corso di questo Europeo si è dimostrato un elemento fondamentale. Suo il gol del 2-1 che porta la Spagna in finale al termine di una bella giocata sul malcapitato Tchouameni. Non solo la rete, però, visto che gioca una partita a tutto campo con grandissima qualità (dal 76' Mikel Merino 6: L'eroe dei quarti di finale questa volta non segna ma entra per fare legna e dare muscoli e atleticità al centrocampo)

Fabian Ruiz 6,5: Si divora il vantaggio al minuto 8' spedendo alto un colpo di testa "facile" sul cross al bacio di Yamal. Per il resto fa il suo a centrocampo confermando quanto di buono fatto in questo Europeo.

Nico Williams 7: La sua velocità e la sua tecnica sono sotto gli occhi di tutti. Questa sera è meno efficace rispetto ad altre partite ma si sacrifica molto in fase di copertura. (dal 94' Ferran Torres sv)

Alvaro Morata 6,5: Non segna ma fa un lavoro importantissimo per la squadra. Spesso spalle alla porta si fa fare fallo per far rifiatare e salire i compagni. (dal 76' Mikel Oyarzabal 6: Entra per far salire la squadra e per tenere palla. Missione compiuta)

Lamine Jamal 8: Diventa il giocatore più giovane a segnare ad un Europeo e lo fa 4 giorni prima di compiere 17 anni. Si inventa un gol da fenomeno con un sinistro all'incrocio dei pali (con bacino al palo) che non lascia scampo a Maignan. Predestinato. (dal 94' Martin Zubimendi sv)

Spagna-Francia

Ct Luis De La Fuente 8: Senza gli squalificati Carvajal e Le Normand e senza l'infortunato Pedri riesce lo stesso a mettere in campo una squadra capace di imporre il suo gioco contro la fortissima Francia. Arriva in finale di questo Europeo con grande merito e ora gli manca un ultimo passo per compiere un percorso netto.


Le pagelle della Francia

Mike Maignan 6: Incolpevole sui due gol della Spagna assiste impotente alla resa dei suoi compagni di squadra.

Jules Koundè 4,5: Si perde Fabian Ruiz all'8' ma viene graziato dall'ex Napoli. Soffre le accelerazioni di Nico Williams e sul gol del 2-1, assegnato dalla Uefa a Dani Olmo, è goffo nel suo intervento. Sciagurato.

Spagna-Francia

William Saliba 6: Dei difensori è quello più solido anche se soffre anche lui l'imprevedibilità degli attaccanti spagnoli.

Dayot Upamecano 6: Come il compagno di reparto ci mette il fisico e l'anticipo per tentare di fermare Morata. Tutto sommato anche la sua prova è sufficiente.

Theo Hernandez 5: Gli manca lo spunto dei giorni migliori ma avendo di fronte un crac come Yamal si limita molto di più alla fase difensiva che a quella offensivo. Rivedibile

Spagna-Francia

Aurelien Tchoaumeni 5: Si fa dribblare troppo facilmente da Dani Olmo in occasione del gol del 2-1 e per tutta la partita non riesce ad essere ordinato in fase di impostazione ed efficiente in quella di copertura.

N'Golo Kanté 5,5: La vera notizia è che per una volta non riesce a dominare a centrocampo schiacciato dalla forza d'urto della linea mediana spagnola. (dal 62' Eduardo Camavinga 5,5: Entra a risultato già compromesso ma non riesce ad imprimere incisività alle sue giocate)

Adrien Rabiot 5: Spaesato, in difficoltà e spesso fuori posizione. (dal 62' Antoine Griezmann 5: Entra ma non si vede. Non si accende praticamente mai.

Ousmane Dembélé 4: Partita da chi l'ha visto. Mai uno spunto, mai un'accelerazione degna di nota. (dal 79' Olivier Giroud 5,5: Troppo poco tempo per giudicarlo ma non ci prova nemmeno).

Randal Kolo Muani 6: Segna il primo gol su azione in questo Europeo per la Francia. Bravo a staccare benissimo in anticipo su Laporte. Per il resto, però, la vede veramente poco e non solo per sua responsabilità. (dal 62' Emile Barcola 6: Ci mette voglia e già questo gli vale la sufficienza)

Spagna-Francia

Kylian Mbappé 5: L'assist dell'1-0 e qualche buona giocata non gli può valere la sufficienza. Non si carica sulle spalle la Francia: è questo il suo più grande demerito vista la sua classe e il suo status da fuoriclasse.

Ct Didier Deschamps 4,5: Perde la partita a scacchi con il collega De La Fuente. Nonostante la rosa più forte dell'Europeo il gioco dei Galletti è pressoché inesistente.

Servono riflessioni approfondite da parte della Federazione francese sul suo futuro.

Arbitro: Slavko Vincic (Slovenia) 7: Arbitra bene una partita difficile anche per merito del comportamento ineccepibile dei giocatori in campo.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica