L'uomo in meno

"Qualche giocatore è stato sotto il suo livello": Spalletti inchioda i suoi

Il Napoli ha perso la prima partita in campionato contro l'Inter, con diversi giocatori autori di una prestazione negativa: tra tutti Victor Osimhen uno dei peggiori tra gli azzurri

"Qualche giocatore è stato sotto il suo livello": Spalletti inchioda i suoi

L'Inter di Simone Inzaghi, con una prestazione di spessore, ha inflitto la prima sconfitta in campionato al Napoli di Luciano Spalletti. La rete di Edin Dzeko ha permesso ai nerazzurri di portarsi a casa i tre punti ma non solo, dato che questa vittoria ha di fatto riaperto il campionato. Ora i partenopei hanno cinque punti di vantaggio sul Milan, sette sulla Juventus e otto sull'Inter con ancora 22 giornate da disputare e si può assolutamente affermare come sia ancora tutto aperto. Gli azzurri di Spalletti non sono stati brillanti come al loro solito, merito anche e sopratttutto dei nerazzurri che hanno invece disputato una grande partita.

Il tecnico del Napoli a fine partita non ha fatto drammi ma la realtà è che diversi interpreti azzurri hanno steccato: da Kvaratskhelia a Lobotka, passando da Zielinski fino ad arrivare al capocannoniere della Serie A Victor Osimhen. Il nigeriano, ben controllato dal terzetto difensivo dell'Inter e di fatto annullato dal 34enne Francesco Acerbi, è dunque il primo uomo in meno di questo 2023. Il 24enne ex Lille non è di fatto mai riuscito a liberarsi per la conclusione, merito degli avversari ma anche frutto di una prestazione personale e di squadra negativa.

"Non siamo riusciti a far girare palla con la solita qualità, andava sempre un po' lenta e così diventa difficile, perché loro stanno con cinque sulla linea dell'area di rigore", le parole di Luciano Spalletti ai microfoni di Dazn. L'ex allenatore dell'Inter si è assunto le responsabilità ma la realtà è che i suoi giocatori hanno giocato sotto le loro possibilità al Meazza: "Potevamo fare di più sotto l'aspetto della qualità e dell'attaccare gli spazi. Qualche calciatore è stato sotto livello. Come gestiremo la sconfitta? La gestiremo bene, probabilmente ci si alleneremo meglio, ma questo dipenderà soprattutto da me. Il livello stasera è stato più basso delle nostre possibilità, dobbiamo ritrovare la nostra forma migliore, poi vedremo cosa riusciamo a produrre".

Spalletti ha poi fatto i complimenti all'Inter: "Loro hanno fatto quello che fanno sempre, ovvero venirci addosso con Calhanoglu su Lobotka, ma noi dovevamo essere bravi a far arrivare meglio il pallone sulla loro trequarti", ha proseguito Spalletti analizzando la partita. "Abbiamo provato a giocare più in verticale, ma Acerbi è un cliente scomodo: è bravo a tenere la posizione e anche fisicamente si fa sentire".

L'ex difensore della Lazio ha di fatto annullato Osimhen, costantemente anticipato dal 34enne difensore di Vizzolo Predabissi che non ha lasciato nemmeno le briciole al suo diretto avversario. Questa vittoria dell'Inter tiene così vivo un campionato per ora dominato dal Napoli di Spalletti che dovrà però cercare di tornare subito sui suoi standard abituali. Sampdoria al Marassi, Juventus al Maradona e il derby contro la Salernitana all'Arechi sono le ultime tre sfide per il Napoli di Spalletti in questo girone d'andata: servirà tornare subito alla vittoria per dimostrare come quella contro l'Inter si stata solo un episodio.

La classifica di Serie A

Napoli 41, Milan 36, Juventus 34, Inter 33, Lazio e Roma 30, 28 Atalanta, 25 Udinese, 22 Torino, 20 Fiorentina, 19 Bologna, 18 Empoli e Lecce, Salernitana e Monza 17, Sassuolo 16, Spezia 14, Sampdoria 9, Cremonese 7, Verona 6.

Commenti