Una carica da Spyder per andare più veloce

Cent'anni di animo sportivo celebrati con una collezione che evoca storia e design d'avanguardia

Enrico Sisti

È un anno importante, questo, per Tonino Lamborghini, in quanto ricorre il centenario della nascita del fondatore, Ferruccio, ma non solo. Nel contesto, infatti, di scelte strategiche chiave, che ne informeranno il futuro, la Casa ha inaugurato il nuovo flagship store presso lo shopping mall Starfield Hanam di Seul, in collaborazione con l'azienda coreana Korasia, affiliata del primo provider nazionale di soluzioni IT, Dasan Networks. Un progetto che s'inquadra in una partnership a più ampio raggio legata al lancio, tra la fine del 2016 e la primavera 2017, di accessori IoT (Internet of Things) a marchio Tonino Lamborghini, quali smartband, smartwatch, smartphone e home&office, al fine di attaccare con decisione il nuovo settore premium degli accessori IT, definibile come «Techno-luxury». In ogni caso, dato che l'orologeria costituisce pur sempre, attualmente, il 35% del fatturato di Tonino Lamborghini, in piena espansione verso mercati di riferimento quali il Medio Oriente, il Far East e gli Stati Uniti, ma con l'obiettivo di rafforzare l'incidenza sul territorio italiano, con ottime potenzialità di sviluppo, oltre alla collezione celebrativa Centenary, l'azienda di Funo di Argelato (provincia di Bologna) ha focalizzato il lavoro creativo sull'iconica collezione Spyder. Una linea che evoca lo spirito d'avanguardia nel design di Tonino Lamborghini, abbinato all'amore per il fascino sempiterno delle auto sportive: si riconosce per la lunetta a forma di scudo, a riprendere il logo del brand, indicativo del «Toro che carica». Segnaliamo la versione Glass (accanto alla quale sono state lanciate le varianti Horizontal 9000 e Cut-Line) dove, assoluto protagonista, è il vetro sfaccettato verticalmente con angolo al centro del quadrante, proposto in due versioni, entrambe con fondo dello scudo centrale dominato dal pattern a nido d'ape, finitura esterna incisa tipo ligné e numeri arabi luminescenti: cambia la placca orizzontale che incornicia il datario, bianca o nera. È declinata in acciaio black PVD, con cassa dall'impianto ottagonale satinata, dalla marcata ergonomia, dove viti a brugola fissano il cinturino in silicone integrato e la lunetta, e la corona è personalizzata con la «L» di Lamborghini; il movimento, meccanico automatico, è l'ETA 2824-2, visibile attraverso un oblò circolare ricavato sul fondello, sempre rifinito con il motivo «a nido d'ape». Elementi che accrescono l'aggressività e la personalità di un orologio straordinariamente identificativo.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento