«Che manicomio con questi giudici»

«Che manicomio con questi giudici»

«Basta, me ne vado, che manicomio con questi giudici». L’avvocato Roberto Minardi de Michetti, dopo trent’anni di lavoro nelle aule dei tribunali, si sfoga: «Certe situazioni per me sono diventate intollerabili». L’ultima della serie è la storia di un suo collega che ha chiesto di anticipare un’udienza fissata dopo tre anni. Risultato: il magistrato l’ha anticipata di un quarto d’ora. Il legale ricorda altri episodi come quello del giudice che aveva condannato a pagare la parte vittoriosa. «Che cosa farò adesso? Non lo so, magari il consulente oppure andrò al mare o al cinema. Non lo dico con snobismo, non voglio più incupirmi in quella bolgia».

Commenti