Colorati, tecnologici e sexy Gli occhiali si fanno notare

A Milano le collezioni da sole e da vista di 1.100 marchi Oltre alle firme celebri, attenzione puntata sulla prevenzione. In passerella gli italiani conquistano anche l'eleganza francese: <strong><a href="/interni/in_passerella_italiani_conquistano_anche_leleganza_francese/05-03-2010/articolo-id=426954-page=0-comments=1">grande successo per Marco Zanini</a></strong> con gli abiti disegnati per Rochas

È solo questione d’immagine oppure, quando si parla di occhiali, entra in gioco il fattore P che sta per prevenzione e protezione degli occhi? Una risposta esaustiva la offre il Mido che da oggi e per tre giorni alla Fiera Milano Rho rivela le novità in occhiali da sole e da vista attraverso le collezioni di 1.100 espositori di tutto il mondo. La mostra che compie quarant’anni pone l’accento attraverso la Commissione difesa vista sulla necessità di rendere obbligatorie le visite oculistiche in età prescolare e, per gli adulti, frequenti i controlli delle capacità visive onde evitare i tanti incidenti stradali causati da difetti non diagnosticati.

Sul fronte sole, invece, si richiama l’attenzione sulla protezione dai nocivi raggi Uv e sull’acquisto di lenti certificate: gli occhiali contraffatti non danneggiano solo il mercato ma anche la salute. Ricordando gli ottimi risultati della campagna «Anch’io Mido» inaugurata un anno fa a favore di Cbm Italia Onlus per combattere la cecità infantile in Etiopia, Vittorio Tabacchi presidente di Mido conferma che l’operazione continua nonostante la crisi di cui ha sofferto un settore sempre in crescita nell’ultimo decennio. Il fatturato 2009 è stato di 2.251 milioni di euro con un calo del 13,3% e un valore negativo nelle esportazioni (-13,6%). E dato che l’Italia esporta oltre l’85% della produzione, a maggior ragione si punta su innovazione e stile. Gli occhiali di Hogan indossati da star come Kate Moss e Jennifer Lopez sono oversized, tondeggianti, sfumati e trasparenti mentre quelli di Giorgio Armani, realizzati in Optyl, materiale ultraleggero e anallergico dai ricercati effetti cromatici, promettono charme irresistibile e allure Sixties. Si chiama Santa Monica il modello della collezione Postcard Sunglasses di Prada in iniettato color trasparente mentre combinazioni interessanti di colore come l’avana e il rosso personalizzano le montature in acetato degli occhiali da sole John Richmond. Amati dalle celebrities gli occhiali Web propongono nella nuova limited edition quattro modelli ispirati ad altrettanti attori - Sean, Marlon, Steve e Pierce - con affascinanti variazioni di materiali e accostamenti intorno al famoso frontale in metallo, mentre Kenzo esibisce disegni tribali sulle aste e trafori di gusto etnico che richiamano il fascino della savana.

Perfetto stile vintage nella linea Sting for Yamamay: aste sottili e lenti sfumate che ricordano il mare di Cancun. Da segnalare: la collezione Bee Friendly di Nau! con occhiali da sole in plastica riciclata mentre geniali sono i pieghevoli «Double Yeux» by Lélé’s Untie’Wear con cerchi intercambiabili che risolvono il problema della lettura in ogni situazione di luce. In fatto di modelli da vista concepiti per farsi vedere, fra i più desiderati i DSquared2: forma vintage, si ispirano all’America degli anni Cinquanta e alle dive che li indossavano per pura vanità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.