Il commissario Rebaudengo tra indagini e buona tavola

Cristina Rava, già autrice nel 2006 di un saggio «I giovedì di Agnese. Donne in guerra», torna in libreria, ma questa volta con un romanzo noir e di tutt’altro sapore: «Commissario Rebaudengo. Un’indagine al nero di seppia». Cosa c’entrino le seppie nel titolo non è del tutto chiaro, o meglio, forse inizialmente nemmeno ci si chiede il perché della scelta di questa metafora, ma nella vicenda ogni parola, a partire dal titolo, ha un senso che sapientemente e con il giusto ritmo si ricompone pagina dopo pagina in un puzzle perfetto e originale. Nella tranquilla e amena cittadina di Alassio scompare un uomo e si trova il cadavere di una giovane donna strangolata. Il commissario Bartolomeo Rebaudengo, piemontese «cresciuto a fette di raschera, dolcetto e bagnacauda» e da pochi anni trasferitosi in Liguria deve affrontare così la sua prima e difficile prova e troverà un inaspettato aiuto in Ardelia Spinola, medico legale e ottima cuoca. Un noir che, a tratti, assume le caratteristiche di un thriller, giusta suspence e qualche colpo di scena ben congeniato. Ottimo lo stile: le pagine scorrono rapide e sono così ben tratteggiati sia i personaggi sia gli ambienti che con poca fatica si potrebbe trarre dal romanzo il testo per una sceneggiatura. E si ride anche perché il commissario benlungi dall’essere un supereroe è un uomo con tutte le sue buffe debolezze e che, se all’inizio sembra burbero e silenzioso, si mostra poi un personaggio spiritoso, amante della buona cucina e capace di innamorarsi. Un libro davvero piacevole che potrebbe essere l’inizio di una bella serie noir e che di sicuro fa proprio venir voglia di rivedere il commissario Rebaudengo e la sua «dottoressa dei morti, piena di vita», alle prese con un nuovo caso.
«Commissario Rebaudengo. Un’indagine al nero di seppia» di Cristina Rava, Fratelli Frilli Editori, 11 euro, 264 pagine.

Commenti