Confronto Bersani-Bossi sfida in contemporanea

Confronto politico al calor bianco, stesso giorno, stessa ora (più o meno), sabato pomeriggio, nel ponente genovese: Pier Luigi Bersani, segretario nazionale del Partito democratico, Claudio Burlando, governatore in carica e in corsa per la riconferma alle regionali del 28 e 29 marzo, e Lorenzo Basso, segretario regionale del Pd, si rivolgeranno al popolo della sinistra che più eterogenea non si può, alle 17, nell’ampio spazio del Vaillant Palace, alla Fiumara. In programma, l’apertura ufficiale della campagna elettorale dei «democratici», al massimo livello, con l’intervento cioè dei leader nazionale e regionale, oltre che ovviamente del ri-candidato alla presidenza della Regione Liguria. A due passi o quasi di distanza, e comunque sempre nel «cuore rosso» di Genova (che pure presenta da tempo diverse crepe in cui si è incuneato il centrodestra), il ministro e leader della Lega Nord, Umberto Bossi parlerà a iscritti e simpatizzanti del Carroccio, e più in generale del centrodestra. In questo caso, l’appuntamento è fissato alle 18 e 30, al Teatro Verdi di Sestri, piazza Oriani. Una sorta di «antipasto», per i leghisti, in quanto Bossi sarà in serata, ore 21, all’Hotel Monterosa di Chiavari. In entrambe le occasioni, il senatur non mancherà di galvanizzare i supporter di Sandro Biasotti, candidato dei partiti del centrodestra e oltre alla Regione, nella prospettiva di strappare fra quattro settimane alla sinistra l’amministrazione di Piazza De Ferrari. Inoltre, l’incontro chiavarese del leader del Carroccio, che è sempre stato molto attento alle vicende politiche della Liguria, avviene a breve distanza dalla scomparsa del sottosegretario Maurizio Balocchi, fondatore della Lega in Liguria e residente nel Tigullio cui Bossi è sempre stato molto legato.