A Coverciano il ct, un po’ nervoso, alterna diplomazia e realismo per spiegare la clamorosa esclusione del Pupone dalle convocazioni per la Norvegia «Non ho punito Totti, ma non esiste solo lui» Lippi: «Gli ho spiegato i motivi fin da giovedì, se vi

Respinti i sospetti di una scelta imposta dall’alto: «Non c’entra la tolleranza zero»

Marcello Di Dio

nostro inviato a Firenze

Aveva provato a distogliere l’attenzione dal caso del giorno, parlando dell’importante iniziativa delle Olimpiadi del Cuore di cui è uno dei testimonial. Ma non poteva evitare il fuoco di domande sulla clamorosa esclusione dal gruppo azzurro di Francesco Totti. Per Marcello Lippi la settimana di avvicinamento alla sfida con la Norvegia inizia in salita, con la classica buccia di banana. Una salita che il ct affronta con difficoltà, alternando diplomazia, chiusura totale e spazientimento. «Avevo chiamato Totti giovedì, ho parlato anche del suo matrimonio ma gli ho spiegato i motivi del perché non l’ho convocato; lui aveva capito e gli avevo detto di tenere per sé la notizia di una sua esclusione», esordisce Lippi. Che respinge tutti i sospetti di una scelta voluta dall’alto dopo la maxisqualifica inflitta in campionato al capitano giallorosso. «Non ho ricevuto nessuna pressione dalla federazione, la tolleranza zero non c’entra niente, insomma la mia scelta non è una punizione». Ma allora come si spiega l’incredibile esclusione? E soprattutto, come mai Totti si è detto sorpreso se già sapeva tutto con qualche giorno di anticipo? I quesiti sul romanista diventano sempre più incalzanti: un comunicato della Figc, subito dopo l’annuncio della lista dei convocati, parlava di scelta tecnica. Il ct dice che ci sono anche altre motivazioni. «Ma queste non devo spiegarle a voi, anche perché qualsiasi motivazione dia, qualcuno la intende, ma molti la interpretano come pare a loro», precisa Lippi che alza i toni quando aggiunge di aver letto sui giornali «molte cose inesatte sull’argomento e qualcuna anche offensiva, anche se io non sono teso e non voglio offendere nessuno».
Con il passare dei minuti, Lippi offre qualche particolare in più. «Ho un incarico di due anni per costruire una squadra che si qualifichi e faccia una buona figura al Mondiale. Totti è uno dei migliori giocatori europei, l’ho sempre difeso anche in giro. E nella gestione del lavoro di due anni ci può stare che salti una partita, anche ufficiale, su trenta. Quando Totti viene chiamato gioca, uno come lui non può stare in panchina o essere in campo per una decina di minuti». Dunque, in questa nazionale nessuno è intoccabile, compreso il numero dieci della Roma. «Diciamo che per me esistono giocatori molto importanti e questo vale per tutti». Compreso il romanista, che proprio nel match di andata con i norvegesi ebbe un chiarimento con il ct dopo che aveva rinunciato all’azzurro per un infortunio. Il giocatore dovette, comunque, raggiungere il capoluogo siciliano per sottoporsi a regolare visita medica e seguire l’allenamento dei compagni. In quell’occasione il rapporto tra Totti e Lippi fu subito ricucito e da allora il giallorosso era diventato uno dei giocatori chiave del gruppo azzurro. Tutto dimenticato, dunque, fino all’ultima strana, ma non per il ct, esclusione.
A Coverciano i toni salgono e Lippi, che fino a quel momento aveva giocato in difesa, sbotta all’ennesima domanda tv sul giocatore della Roma. «Insomma, non esiste solo Totti in Italia, anche se è un bravo ragazzo e un fortissimo giocatore. La sua assenza mi fa mettere in campo l’Italia che avevo già in mente». Questa risposta chiarisce forse il dilemma: Lippi pensa a un tandem d’attacco a due punte (probabilmente Cassano al fianco del rientrante Bobo Vieri, anche se ieri ha provato Toni) che non prevede l’impiego del romanista.
La comitiva azzurra è comunque sorpresa della mancata convocazione di Totti come di Del Piero. «Non averli è uno svantaggio, sono assenze importanti – dice lo juventino Zambrotta, anche lui rientrato nel club Italia -. E non credo che Totti sia stato lasciato a casa per preparare meglio le nozze...».
Infine ieri ha lasciato la compagnia anche Nesta per gravi motivi famigliari che la privacy non permette di rendere pubblici. Lippi ha deciso di non sostituirlo sperando di averlo in extremis venerdì, prima della partenza per la Norvegia.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento