Cronaca internazionale

Effetto Wagner su Minsk. E la Polonia sposta le truppe ai confini con la Bielorussia

Varsavia ha deciso di ridistribuire le truppe nella parte del Paese più vicina alla Bielorussia. Oltre il confine sono in corso esercitazioni militari tra le forze di Minsk e il gruppo Wagner

Effetto Wagner su Minsk. E la Polonia sposta le truppe ai confini con la Bielorussia

Ascolta ora: "Effetto Wagner su Minsk. E la Polonia sposta le truppe ai confini con la Bielorussia"

Effetto Wagner su Minsk. E la Polonia sposta le truppe ai confini con la Bielorussia

00:00 / 00:00
100 %
Tabella dei contenuti

Si segnalano intensi spostamenti di soldati al confine tra Polonia e Bielorussia. Nello specifico, il ministero della Difesa polacco ha deciso di ridistribuire le unità militari nell'est del Paese. La mossa di Varsavia non è affatto casuale, ma anzi è la conseguenza della notizia secondo cui nel territorio bielorusso sarebbero in corso esercitazioni militari con la partecipazione degli uomini del gruppo Wagner. Nei giorni scorsi, un video mostrava il capo dell'organizzazione di mercenari, Yevgeny Prigozhin, dare il benvenuto ai suoi combattenti a Minsk, dicendo loro che per ora non avrebbero più preso parte alla guerra in Ucraina, che avrebbero dovuto raccogliere le forze per l'Africa e addestrarsi con l'esercito bielorusso.

Il gruppo Wagner nel mirino di Varsavia

Il rappresentante del comitato governativo per le questioni di sicurezza della Polonia, Zbigniew Hoffman, ha dichiarato all'agenzia di stampa Pap che Varsavia ha optato per il rafforzamento del suo confine orientale. "Il comitato ha analizzato le possibili minacce, incluso il dispiegamento di unità del gruppo Wagner. A questo proposito, il ministro della Difesa, ha deciso di spostare le nostre formazioni militari dall'Ovest all'Est della Polonia", ha dichiarato lo stesso Hoffman.

Secondo le autorità polacche, le manovre congiunte dell'esercito bielorusso e del Wagner sono "un'indubbia provocazione". "L'addestramento o le esercitazioni congiunte dell'esercito bielorusso e del gruppo Wagner è senza dubbio una provocazione", ha aggiunto il funzionario. All'inizio di questo mese il ministro della Difesa, Mariusz Blaszczak, aveva dichiarato che la Polonia stava iniziando a spostare oltre 1.000 truppe nell'est del Paese. Sempre all'inizio di luglio, Varsavia aveva fatto presente che avrebbe inviato 500 poliziotti per rafforzare la sicurezza al confine con la Bielorussia.

Polonia-Bielorussia: confine di fuoco

Per quale motivo il governo polacco vede come fumo negli occhi le manovre congiunte tra la Wagner e i soldati bielorussi? Il ministero della Difesa bielorusso ha dichiarato che i mercenari di Prigozhin hanno iniziato ad addestrare le forze speciali di Minsk, il tutto ad un raggio d'azione di poche miglia dal confine con la Polonia, membro della Nato.

Reuters ha sottolineato che le persone che vivono vicino al confine tra Polonia e Bielorussia hanno riferito di aver sentito spari ed elicotteri, dopo che il gruppo Wagner era arrivato in loco per addestrare le forze speciali bielorusse, aggravando i loro timori che la guerra in Ucraina li avrebbe raggiunti.

Esercitazioni congiunte

La Wagner e l'esercito bielorusso si stanno addestrando in un sito vicino a Brest, non distante dal confine polacco. Come ha riportato dall'agenzia ucraina Unian, le sessioni di allenamento, come annunciato da Minsk, dovrebbero durare una settimana presso il medesimo campo di addestramento.

L'ex ambasciatore bielorusso in Polonia, Pavel Latushka, ha dichiarato che circa 2.500-3.000 mercenari del gruppo Wagner potrebbero trovarsi in Bielorussia. "3.000 fanti leggeri, anche tenendo conto che queste persone hanno esperienza di combattimento, non svolgono un ruolo importante. Questi sono fatti mediatici, non una vera minaccia", ha tuttavia valutato l'esperto di guerra polacco Andrzej Kinski.

A suo avviso, e

anche secondo altri analisti, le truppe del gruppo Wagner di stanza in Bielorussia non rappresenterebbero una minaccia militare. La Polonia non ha tuttavia alcuna intenzione di rischiare, o peggio, farsi cogliere impreparata.

Commenti