Cronaca internazionale

Si erano addormentati in volo per mezz'ora: sospesi due piloti della compagnia indonesiana Batik Air

La sanzione è conseguente all'avvio di un'indagine, poiché dalla torre di controllo si erano accorti che la radio funzionava e che il comandante aveva mentito

Si erano addormentati in volo per mezz'ora: sospesi due piloti della compagnia indonesiana Batik Air

Ascolta ora: "Si erano addormentati in volo per mezz'ora: sospesi due piloti della compagnia indonesiana Batik Air"

Si erano addormentati in volo per mezz'ora: sospesi due piloti della compagnia indonesiana Batik Air

00:00 / 00:00
100 %
Tabella dei contenuti

Sono riusciti a tenere nascosto ai passeggeri e alla compagnia aerea indonesiana Batik Air un grave episodio avvenuto in volo: i due piloti si sarebbero addormentati in cabina per circa mezz'ora, tanto che il velivolo è uscito fuori rotta prima che tutto tornasse alla normalità. A bordo nessuno si è accorto di nulla, ma la torre di controllo, visto il cambio di direzione insolito, ha provato a mettersi in contatto con i piloti senza avere alcuna risposta. Per fortuna uno dei due ufficiali alla guida dell'aereo si è risvegliato in tempo e ha effettuato regolarmente l'atterraggio nell'aeroporto di destinazione.

La vicenda

Ma andiamo per ordine. Il curioso episodio è avvenuto lo scorso 25 gennaio, ma solo da pochi giorni i due piloti sono stati sanzionati. Quel giovedì, il volo Batik Air 6723 era decollato dall'aeroporto di Kendari alle 8.05. In due ore e venti minuti era previsto l'arrivo a destinazione, ovvero lo scalo di Giacarta, ma nessuno poteva prevedere cosa sarebbe accaduto nella cabina di pilotaggio. Dopo trentadue minuti dal decollo, il comandante, un ufficiale di 32 anni, ha cominciato il "riposo controllato", come previsto dal regolamento, lasciando l'aereo nelle mani del secondo pilota di 28 anni. Alle 9.22 il primo pilota si è svegliato e avrebbe chiesto al collega se voleva riposarsi anche lui. Quest'ultimo sembra abbia rinunciato alla pausa e allora, dopo pochi minuti, il comandante ne ha approfittato per riaddormentarsi.

I contatti con la torre di controllo

In quel frangente il secondo pilota si è messo in contatto più di una volta con la torre di controllo, anche per l'avvicinarsi di una perturbazione, chiedendo di cambiare rotta. Sembrava filare tutto liscio quando all'improvviso il controllore di volo si è accorto che l'aereo non procedeva nella direzione stabilita. Ha provato a contattare i piloti più volte senza ottenere alcuna riposta. Solo dopo una mezz'ora il comandante si è svegliato e si è accorto che anche il collega stava dormendo. Ripresa la rotta giusta ha comunicato alla torre di controllo che per un po' avevano avuto problemi alle comunicazioni radio. Il volo, con a bordo 153 passeggeri e quattro assistenti, è poi atterrato regolarmente a Giacarta.

L'inchiesta

I piloti erano convinti di averla fatta franca, ma in realtà è stata avviata un'indagine poiché dalla torre di controllo si erano accorti che la radio funzionava e che il comandante con molta probabilità aveva mentito. Le verifiche hanno evidenziato, come riporta il Corriere della Sera, che il secondo pilota nei giorni precedenti al volo aveva riposato poco per una serie di motivi: il trasloco di casa e la presenza in famiglia di due neonati gemelli, nati da poco più di trenta giorni.

A quel punto è stato facile sospettare che i due piloti si erano addormentati insieme, nello stesso momento, lasciando l'aereo in balia delle correnti. Questa leggerezza, che poteva costare molto caro, è valsa loro la sospensione dal servizio.

Commenti