Cronaca locale

Paura dopo Vicenza-Padova: sassi e bottiglie contro bus di tifosi. La furia degli ultras

A bordo del bus anche famiglie con bambini. I responsabili, una frangia degli ultras del Vicenza, hanno lanciato sassi e bottiglie contro un bus navetta rompendo anche una finestra

Paura dopo Vicenza-Padova: sassi e bottiglie contro bus di tifosi. La furia degli ultras

Ascolta ora: "Paura dopo Vicenza-Padova: sassi e bottiglie contro bus di tifosi. La furia degli ultras"

Paura dopo Vicenza-Padova: sassi e bottiglie contro bus di tifosi. La furia degli ultras

00:00 / 00:00
100 %

Violento scontro fra ultras al termine della partita Vicenza – Padova. Nella serata di ieri, infatti, ci sono stati momenti di forte tensione e scene di vera e propria guerriglia urbana fra tifosi, ancora carichi dopo il match. Secondo quanto riferito dai quotidiani locali, sarebbero stato i sostenitori biancorossi a tendere un agguato alla tifoseria avversaria, prendendo d'assalto il bus navetta su cui viaggiavano.

Il momento dell'agguato

Lo partita di serie C fra Vicenza e Padova, conclusasi con un pareggio, si è svolta nella giornata di ieri, domenica 29 ottobre. Il nervosismo di alcuni tifosi è purtroppo sfociato nell'esito peggiore: una frangia di ultras del Vicenza ha infatti atteso il passaggio di uno degli autobus che stavano trasportando i tifosi del Padova, dando inizio a una vera e propria sassaiola che ha provocato danni al mezzo. L'agguato è avvenuto nei pressi dello stadio, in viale Fusinieri all'altezza dell'incrocio con via Salvi, proprio mentre il bus si stava avviando verso Padova.

Con i volti nascorsi, dieci ragazzi, forse anche di più, hanno cominciato a lanciare sassi e bottiglie contro l'autobus. Stando alle notizie riportate sino ad ora, a bordo del mezzo si trovavano anche famiglie con bambini e qualcuno, stando a quanto dichiarato da Vicenzatoday, avrebbe anche riportato delle ferite. I sassi scagliati con forza, infatti, sono riusciti a infrangere qualche vetro.

Sul caso indagano le forze dell'ordine locali, compresi gli uomini della Digos, che stanno cercando di identificare tutti i responsabili, i quali saranno molto probabilmente colpiti da daspo.

Indagini in corso

Stando a quanto dichiarato dalle autorità locali le indagini stanno procedendo. Si parla di un vetro del bus andato in frantumi e di un tifoso del Padova finito al pronto soccorso. Una volta identificati i soggetti e accertate le responsabilità di ciascuno scatterà il provvedimento del daspo, che vieterà loro di prendere parte alle manifestazioni sportive.

Momenti di paura

"Nessuno all'interno della navetta ha capito questo gesto, in quanto i gruppi organizzati padovani avevano preso i pullman successivi, e nella nostra navetta erano presenti bambini, donne e anziani", ha raccontato al Mattino di Padova un testimone."Un ragazzo è stato ferito sulla fronte (sopra l'occhio destro) e ci siamo spaventati molto, soprattutto un bambino di 10 anni che ha iniziato a piangere.

Siamo poi ripartiti con il pullman sfasciato e completamente aperto sul lato sinistro, per dirigerci al parcheggio dell'autostrada".

Condanna anche da parte del sindaco di Vicenza Giacomo Possamai, che si è scusato con i tifosi del Padova da parte della città.

Commenti