"Ti taglio orecchie e lingua". L'orrore del 31enne romeno sulla compagna

Finito l'incubo di una donna costretta da oltre un anno a subire le vessazioni e le violenze del compagno violento. Fondamentale la testimonianza dei vicini

"Ti taglio orecchie e lingua". L'orrore del 31enne romeno sulla compagna
00:00 00:00

Arriva dalla Capitale l'ennesimo caso di violenza sulle donne: un 31enne romeno è stato fermato e sottoposto alla misura del braccialetto elettronico dopo aver a lungo vessato la compagna. Sono stati i vicini a salvare la vittima dopo l'ennesimo maltrattamento.

Il caso

La vicenda si è verificata a Guidonia (Roma), e ancora una volta si tratta di una storia intrisa di gelosia, prevaricazione e violenze. Deciso a controllare costantemente la compagna, il 31enne aveva instaurato in casa un vero e proprio regime di terrore, fatto di insulti, minacce e percosse. Secondo quanto riferito da Il Messaggero, i due conviveno da circa un anno, arco temporale in cui la donna avrebbe dovuto sopportare di tutto.

Era la gelosia a motivare gli scatti furiosi dell'uomo, ossessionato dalla compagna al punto da obbligarla a cancellare i suoi contatti telefonici, così da escluderla dal resto del mondo, e minacciarla di lesioni o di morte. "Ti taglio le orecchie e la lingua", sarebbe stata una delle intimidazioni più ricorrenti. Nel clima di terrore imperante non mancavano neppure le umiliazioni e gli insulti: l'uomo era solito chiamare la compagna "scimmia" in termini denigratori.

Poi, la svolta. Nel corso dell'ultimo raptus di rabbia, il 31enne ha lanciato un coltello contro la donna, che si è vista passare la lama dinanzi agli occhi prima che questa si conficasse nella porta. Un'aggrassione così spaventosa che la vittima ha infine compreso il pericolo e ha trovato la forza di denunciare e chiedere aiuto. I suoi vicini di casa hanno subito risposto al suo appello, testimoniando per lei davanti alle forze dell'ordine. Tutti, infatti, avevano sentito le urla provenienti dall'abitazione della coppia.

La donna è stata quindi messa in sicurezza, mentre il cerchio si è stretto intorno al 31enne, un soggetto con precedenti per atti persecutori e porto illegale di armi.

L'importanza dei vicini

"Va detto che l'intervento della procura e del commissariato è stato determinato dal sostegno dei vicini di casa che, di fronte all'ultima violenza, non hanno esitato a lanciare l'Sos, potendo così testimoniare lo stato di paura che, negli ultimi mesi, spesso avevano constatato", hanno dichiarato fondi della questura a Il Messaggero. "Ciò dimostra la maggiore attenzione nel circondario di Tivoli da parte di tutte le persone verso gli episodi di violenza consapevoli dell'immediato e concreto intervento delle forze dell'ordine e dei magistrati specializzati". L'intervento dei vicini, dunque, è stato determinante e dimostra quando sia fondamentale auitare e non voltarsi dall'altra parte in caso di bisogno.

La misura cautelare

Ritenuto colpevole delle vessazioni commesse nei confronti della compagna, il 31enne è stato raggiunto nel corso della giornata di ieri, giovedì 2 novembre, dagli agenti del commissariato di Tivoli, che hanno

eseguito l'ordinanza emessa dal gip. Sottoposto alla misura del braccialetto elettronico, l'uomo non potrà più avvicinarsi alla compagna e sarà tenuto a trovarsi sempre a una distanza di almeno 500 metri da lei.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica