Cronaca locale

Turista cade dalle scale mobili a Roma Termini: "Tre ore per l'ambulanza"

Il racconto della moglie del turista, incredula della lunga attesa. Il marito ha dovuto attendere tre ore, steso a terra e con una sospetta frattura alla gamba

Turista cade dalle scale mobili a Roma Termini: "Tre ore per l'ambulanza"

Ascolta ora: "Turista cade dalle scale mobili a Roma Termini: "Tre ore per l'ambulanza""

Turista cade dalle scale mobili a Roma Termini: "Tre ore per l'ambulanza"

00:00 / 00:00
100 %

Pessima esperienza per un turista milanese vittima di un incidente mentre si trovava alla stazione di Roma Termini. Durante il percorso sulle scale mobili che collegano il piano terra alla Galleria di destra che porta alla stazione, l'uomo è rovinosamente caduto, procurandosi delle serie lesioni, ma ci sono volute ore prima che un'ambulanza giungesse sul posto per trasferirlo in ospedale.

Il racconto della moglie

È la moglie di Vincenzo S., questo il nome del turista, a raccontare l'incresciosa vicenda. La coppia si trovava in viaggio a Roma e questa mattina, intorno alle 11.00, stava raggiungendo la stazione dei treni di Roma Termini, quando è accaduto l'incidente. Il signor Vincenzo è caduto su una delle scale mobili, fratturandosi una gamba.

I soccorsi si sono attivati subito. Diversi poliziotti sono intervenuti per formare una sorta di cordone di sicurezza attorno al turista, così che gli avventori della stazione non passassero proprio nelle sue vicinanze. Non sono poi mancate persone, come i proprietari dei negozi vicini, che si sono offerte di aiutare i coniugi, portando generi di conforto.

Nel complesso ci sono state reali dimostrazioni di solidarietà che hanno colpito in positivo la moglie della vittima. È stato però imperdonabile l'incredibile attesa per l'arrivo di un'ambulanza che portasse il signor Vincenzo, visibilmente sofferente, in ospedale.

Il 118 è stato contattato tempestivamente, ma ci sono volute tre ore perché un mezzo di soccorso raggiungesse la stazione di Roma Termini. Tre ore in cui la vittima dell'incidente è rimasta distesa a terra con una sospetta frattura della gamba.

L'ambulanza che non arriva

Numerose le chiamate al numero per le emergenze, ma nessuna di esse ha reso più veloci i soccorsi. Soltanto dopo tre ore d'attesa si è presentata un'automedica che ha trasportato il signor Vincenzo al pronto soccorso dell'ospedale Umberto I. "Stavamo salendo in galleria per far passare il tempo prima dell'arrivo del treno che ci avrebbe dovuto riportare a Milano. Poi la caduta", ha raccontato al Corriere la signora Gabriella. "Ora mio marito è all'Umberto I dove lo stanno sottoponendo a esami radiologici", ha aggiunto, esprimendo gratitudine nei confronti di tutti coloro che hanno aiutato.

Il timore comune è che il servizio di emergenza di Roma, come da tempo segnalato, si trovi davvero allo stremo. Soltanto pochi giorni fa, tramite un servizio di Quarta Repubblica, si è visto lo stato in cui versano certe zone della Capitale. L'inviato della trasmissione si è presentato alla fermata Colosseo della metro, accompagnando un disabile in carrozzina, e nessuno si è presentato per aiutare la persona in difficoltà. "Non è previsto dal contratto, magari non è bello dirlo eh", è quanto ha risposto l'operatore che aziona il montascale.

Commenti