Accuse di sessismo alla "candidata sexy" di un piccolo comune pugliese: "Cerco te, contattami"

Caterina Zilio è stata travolta dalle polemiche per il manifesto elettorale sexy, pubblicato sul suo profilo Facebook, accusato di sessismo

Sta facendo molto discutere il manifesto elettorale di Caterina Zilio, candidata al consiglio comunale di Laterza con il partito Puglia Popolare, del quale è stata nominata coordinatice cittadina. Di professione operatrice socio-sanitaria, Caterina Zilio ha deciso di puntare tutto sull'avvenenza per far colpo sui suoi concittadini e ottenere uno scranno in consiglio comunale ma questa sua scelta sembra non sia stata condivisa e ha scatenato vibranti polemiche sul sessismo a partire da Laterza, da dove il manifesto ha cominciato a girare grazie ai social network.

"Cerco te! Se hai voglia di cambiare, contattami. Insieme si può", si legge nel manifesto, che Caterina Zilio ha condiviso sul suo profilo Facebook, dove il logo di Puglia Popolare è affiancato a una sua immagine provocante con il prosperoso decollete bene in vista. Se l'obiettivo era quello di far conoscere la propria candidatura, Caterina Zilio ha centrato in pieno il suo obiettivo. In poche ore, quel post è stato condiviso e commentato migliaia di volte, non sempre con educazione e civiltà. Sono stati tantissimi i commenti pregni di sessismo piovuti sulla candidata di Laterza, che ha ricevuto fortissime critiche anche e soprattutto da alcuni movimenti femministi, che non hanno apprezzato ciò che loro considerano una strumentalizzazione del corpo.

"Penso che lei abbia fatto un manifesto elettorale sessista, una specie di autogol per se stessa e per tutte le donne che combattono quotidianamente per accedere a qualifiche decisionali per le loro capacità. L’immagine da lei scelta unita peraltro a un linguaggio in linea è sessista, si ‘autooggettifica’, usa il richiamo sessuale in modo poco equivocabile per invitare a essere votata. Donne evitiamo di farci autogol", si legge tra i commenti del post da parte di una donna che contesta totalmente la scelta della candidata. Caterina Zilio per il momento ha deciso di non rilasciare nessuna dichiarazione per difendere la sua scelta o scusarsi con chi si è sentito offeso e l'ha accusata di sessismo. A parlare, però, è stato Massimiliano Stellato, presidente provinciale del partito guidato da Massimo Cassano.

"Preciso che Caterina Zilio, che da anni dedica la sua attenzione alle persone fragili con gravi disabilità, non ha concordato tale, e forse migliorabile, strategia comunicativa né con il sottoscritto e né con i referenti regionali del nostro movimento. Ma ritengo che una donna in politica debba essere valutata per il suo impegno e la sua dedizione e non per il suo decolleté", si legge nella nota di Massimiliano Stellato, riportata dal Corriere Salentino.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

sensocritico

Mar, 14/07/2020 - 19:46

Secondo me è sessista chi, invece degli occhi espressivi e decisi conformi al messaggio che invoca partecipazione attiva da parte dei cittadini, ha fermato il suo sguardo sul dècolletè. Se è per fare polemica gratuita, allora anche le mani in primo piano possono essere simbolicamente criticate. E perchè non il viso? Forse doveva nascondere il fatto di essere donna non mostyrando neppure il viso??? Si vuole tornare alla medioevale caccia alle streghe? Forse dovrebbe farsi domande chi ravvisa in tutto forme di "sessismo", sia al maschile che al femminile!!! In fondo sono gli occhi e la mente di chi vede ad attribuire significati alle immagini, anche alle più innocenti.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mer, 15/07/2020 - 10:52

sensocritico - 19:46 Ottimo commento, lo condivido.

dredd

Mer, 15/07/2020 - 11:40

Non vedo il problema

Gio56

Mer, 15/07/2020 - 11:42

sensocritico,io serei curioso che almeno una volta chi fa questo tipo di critica di sessismo mostri una sua voto,così per vedere che aspetto ha,anche se si può benissimo immaginare,perchè di solito sono proprio "le ciospe" che criticano.