Cronache

Aggredito nella notte il sindaco di Giaveno

Carlo Giacone è stato aggredito da uno sconosciuto. Colpito più volte alla testa è in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita

Aggredito nella notte il sindaco di Giaveno

Il sindaco di Giaveno, Carlo Giacone, è stato aggredito nella notte da uno sconosciuto. Colpito più volte alla testa è in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita. Secondo quanto emerso fino a questo momento, il primo cittadino 62enne del comune in provincia di Torino è stato aggredito poco prima della mezzanotte di ieri nel centro abitato da una persona non ancora identificata, fuggita dopo l’aggressione, che lo ha colpito ripetutamente al capo utilizzando un oggetto contundente.

Non è in pericolo di vita

Il sindaco è stato quindi trasportato in codice rosso all’ospedale di Rivoli, sempre nel Torinese, dove è cosciente, e i sanitari che lo hanno in cura hanno riscontrato diverse fratture craniche. Giacone è ancora ricoverato in prognosi riservata ma non si troverebbe in pericolo di vita. Il sindaco stava camminando in centro, facendo ritorno nella sua abitazione, quando è stato improvvisamente aggredito, le sue urla hanno allertato l'attenzione di alcuni passanti che hanno subito chiamato i soccorsi. Su quanto avvenuto sono in corso le indagini da parte dei carabinieri.

"Tutta Uncem è vicina al sindaco di Giaveno Carlo Giacone, vittima ieri sera di una aggressione nel centro della sua città, in Val Sangone”, si legge in una nota Uncem, l’Unione nazionale comuni comunità ed enti montani, che con il presidente nazionale Marco Bussone, con il presidente piemontese Roberto Colombero, con staff e tutti i sindaci del Comuni montani, ha espresso "piena condanna per il grave fatto avvenuto, sul quale indagano le forze dell'ordine, e abbraccia il sindaco, confidando nella sua piena ripresa. Un atto incommentabile, gravissimo, ignobile. Uncem è tutta con Carlo, con la sua famiglia, con la comunità di Giaveno".

L'aggressore aveva il volto coperto

Sulla pagina Facebook, Anci Piemonte, l’associazione dei comuni, ha augurato al sindaco una pronta e totale guarigione, auspicando che la giustizia faccia il suo corso individuando il responsabile di un'azione così efferata. Intanto, secondo le prime informazioni, lo sconosciuto che ha aggredito Giacone aveva il volto coperto. Giacone è stato confermato sindaco di Giaveno alle elezioni del 2019, dove si è presentato con il sostegno di tre liste civiche."Ho appreso della terribile aggressione questa notte in strada al Sindaco di Giaveno, mi auguro che il responsabile venga preso e che Carlo si rimetta presto", ha affermato il sindaco metropolitano di Torino, Stefano Lo Russo, che ha espresso anche "la vicinanza di tutta la Città metropolitana di Torino" al collega ferito questa notte.

Chi è il sindaco Giacone

Carlo Giacone è un amministratore di lungo corso a Giaveno, la cittadina di circa 16mila abitanti della Val Sangone, nella quale è nato 62 anni fa. Dopo essersi diplomato geometra nel 1979, nel 1982 ottenne una qualifica di fashion design all'istituto arte e moda 'Ilda Bianciotto'. In seguito, Giacone svolse uno stage nella maison di Giorgio Armani. Fino al 2004 si è occupato di creazione moda e vendita e distribuzione di abbigliamento. Il suo impegno politico per Giaveno risale almeno al 1994, quando diventò consigliere comunale e assessore a sport e turismo. Dieci anni dopo diventò vicesindaco, e nel 2014, per la prima volta, primo cittadino. Ai tempi del Pdl era considerato 'l'anima' di Alleanza nazionale nel territorio. Nel 2019, sorretto da tre liste civiche, una delle quali a suo nome, ha sconfitto al ballottaggio un altro candidato di area centrodestra.

Commenti