Agguato a Scampia, ucciso nel cortile di una scuola materna

Un cinquantenne è stato freddato nel cortile di una scuola materna. Stava scappando dai sicari

Agguato a Scampia, ucciso nel cortile di una scuola materna

Un uomo è stato ucciso nel cortile di una scuola materna a Scampia (Napoli). La vittima, il 50enne Luigi Lucenti, pregiudicato, si era rifiugiato nell'asilo dopo essere stato colpito una prima volta sotto casa. I sicari, con il volto coperto, lo hanno inseguito a bordo di uno scooter nel cortile della scuola materna "Montale", freddando l'uomo con diversi colpi di arma da fuoco. Lucenti è morto sul colpo. All’interno dell’edificio scolastico bambini dai tre ai cinque anni: fortunatamente nessuno di loro è rimasto coinvolto nell’agguato. I piccoli erano impegnati nella preparazione della recita di Natale e non hanno sentito gli spari. Poi sono stati fatti uscire da un ingresso secondario per evitare che vedessero il cadavere.

L’omicidio potrebbe rientrare nell’ambito della faida di Scampia tra i due clan che si combattono da anni, i "girati" e gli "scissionisti", che insanguina principalmente i quartieri partenopei di Scampia e di Secondigliano. Le modalità con le quali è stato ucciso Lucenti sembrerebbero di stampo camorristico, ma saranno le indagini a fare luce su quanto avvenuto. La vittima, che ha numerosi precedenti penali per associazione a delinquere e droga,è vicina al clan Abbinante. Quattro giorni fa l’ultima vittima, uno scissionista ucciso e poi abbandonato lungo la strada statale che porta a Melito.

Commenti