Ai domiciliari per droga, gli trovano marijuana in casa

Nuovi guai per un 24enne di Castellammare di Stabia, nel Napoletano. Il giovane era finito già ai domiciliari due settimane prima a causa della droga

Agli arresti domiciliari per droga, i carabinieri tornano a casa sua e gli trovano la marijuana in casa. Nuovi guai per un 24enne di Castellammare di Stabia, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, in provincia di Napoli.

Il giovane era finito ristretto al regime della detenzione in casa sua solo un paio di settimane fa. E sempre per lo stesso motivo: lo avevano trovato con la “roba” e lo avevano accusato di essere uno spacciatore.

Due settimane dopo quei fatti, i carabinieri hanno avuto il sospetto di dover tornare a far "visita" a quel ragazzo. Erano, i loro dubbi, fondati. I militari hanno passato al setaccio l’abitazione in cui vive e dove risultava "recluso" il 24enne e qui hanno trovato, già suddivisa in dosi pronte per essere cedute agli acquirenti, una quantità di marijuana pari a circa 45 grammi.

Per lui, quindi, sono scattate di nuovo le manette mentre la droga è stata posta sotto sequestro. Al suo già complesso quadro giudiziario s’è aggiunta una nuova imputazione. Poi, giudicato con il rito direttissimo, è stato di nuovo trasferito al regime degli arresti domiciliari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Ven, 12/10/2018 - 11:38

---gli sbirri cercano disperatamente un nuovo cucchi-sono rimasti orfani della voglia di menare le mani--le mafie italiote che spacciano pesante e che si servono della manovalanza delle mafie nigeriane piuttosto che marocchine agiscono indisturbate--nei parchi delle città ed a cielo aperto--ma gli sbirri li lasciano lavorare in pace perchè sono pericolosissimi costoro--non rimane altro che sfogare le proprie frustrazioni sul ragazzetto che si fa un pò di ganja ricreativa e vende un pò di fumo per farsi lo smart nuovo--quando poi si parla di legalizzare le droghe leggere apriti cielo--swag

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 12/10/2018 - 12:05

ovviamente c'è sempre IL SOLITO .... che GIRA la frittata a suo piacere e che alla fine dice.. massi' per un po' di droga dov'è il problema.... SOLO UN DROGATO INNEGGIA AD ALTRA DROGA. Sei penoso oltre che Ignorante !!!

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 12/10/2018 - 12:27

---98NARE---se gli sbirri dovessero arrestare solo i consumatori di ganja --ripeto --solo i consumatori---non che il consumo di per sè sia reato--ma per il mancato rispetto della norma farlocca sulla modica quantità--ossia quella quantità che si presuppone per uso personale--mezza italia starebbe in carcere come potenziale spacciatore---è un pò come dire al fumatore di sigarette normali--se vai in tabaccheria a comprarti il tuo quotidiano pacchetto tutto ok---ma se uno che non vuole andare in tabaccheria tutti i giorni decide di comprarsi due o tre stecche di bionde per avere una autonomia di qualche settimana---diventa per la legge potenziale contrabbandiere--

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 12/10/2018 - 12:56

faccina..... il tipo oltre che consumarla per se ( affari suoi no problem per me ) la SPACCIAVA !! Credo che ci sia una GROSSA differenza . Quelli che tu chiami "sbirri" fosse che quando ti servono non arrivino.... Tornando al discorso una cosa è il consumo, una cosa è lo SPACCIO . Credo che ne possa tu convenire... tra una canna e l'altra.....

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 12/10/2018 - 15:07

--98NARE--"spacciare" è una ipotesi di studio--non la certezza matematica---vedo che non capisci quello che scrivo---lo stato ha fissato sta benedetta "modica" quantità--con che criteri? opera dello spirito santo---se un consumatore si mantiene nel limite della modica quantità è considerato solo consumatore--se i caramba gli trovano pure un grammo oltre questa soglia è considerato per legge "spacciatore" anche se di fatto non spaccia affatto--ma ha voluto solo farsi una provvista maggiore per non andare a rifornisi tutti i santi giorni--tra lo spacciatore teorico dunque--e lo spacciatore reale c'è un abisso---