"Terroristi tra profughi". Si sveglia pure Frontex

Italia sempre più esposta, rischio infiltrazioni dai Balcani

"Terroristi tra profughi". Si sveglia pure Frontex

Potenziali terroristi stanno sfruttando la crisi dei migranti per viaggiare senza controlli in Europa.

È l'allarme lanciato da Frontex, l'agenzia europea per il controllo delle frontiere esterne, nel rapporto 2016 pubblicato oggi. "Gli attacchi di Parigi dello scorso novembre hanno dimostrato che i flussi di migranti irregolari possono essere utilizzati dai terroristi per entrare in Europa", sottolinea Frontex avvertendo che la maggior parte di persone che arrivano in Italia e in Grecia con documenti falsi non vengono sottoposte a rigidi controlli appronfonditi. "Due dei terroristi coinvolti negli attacchi in Francia - ricorda Frontex nel rapporto - erano in precedenza entrati nell'Ue attraverso Leros presentando alle autorità greche falsi documenti siriani"

Nel 2015 i Paesi Ue hanno segnalato 1,82 milioni di "attraversamenti illegali della frontiera esterna", una cifra record, più di sei volte il precedente record registrato nel 2014. Lo rende noto Frontex nell'Analisi dei rischi 2016, stimando in un milione gli arrivi dei migranti in Europa. Gran parte dei passaggi illegali di frontiera viene contata con i migranti che arrivano sulle isole greche dalla Turchia, ma poi vengono contati di nuovo quando si ripresentano ad un'altra frontiera Ue dalla rotta balcanica.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti