È allarme a Los Angeles per l’epidemia di tifo provocata dalle pulci: 57 persone contagiate

Emergenza in California, per la malattia che viene trasmessa anche da topi e gatti

È allarme a Los Angeles per un’epidemia di tifo provocata dalle pulci che ha già colpito 57 persone. Si tratta di una malattia potenzialmente mortale trasmessa anche da topi e gatti; il contagio, però, non avviene da uomo a uomo.

L’emergenza è in tutta l’area metropolitana della città degli Stati Uniti, così come riporta la Cnn. Le autorità federali sono al lavoro per individuare il focolaio e affrontare al meglio la situazione.

Negli ultimi tre mesi sono decine i casi accertati: nove di questi in centro città, sei erano homeless. Ma un’epidemiologa ha dichiarato alla Cnn che è assai probabile un incremento dei casi nei prossimi giorni.

A scatenare l’epidemia sono quelle pulci che vivono da parassite su gatti selvatici e topi e che sono attratte dalla spazzatura. Il tifo passa agli esseri umani per colpa di batteri presenti nelle feci delle pulci infette; batteri che possono entrare in contatto con gli occhi o piccole ferite da taglio.

I sintomi del contagio? Mal di testa, febbre ed eruzioni cutanee. Però il contagio può provocare epatiti anche mortali e emorragie interne. Ciò detto, i decessi registrati sono assai rari: se la malattia viene diagnosticata in tempo è infatti curabile con i comuni antibiotici.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mariod6

Mar, 09/10/2018 - 19:03

Nelle grandi città come Roma e Napoli e Milano i topi scorrazzano dappertutto ed i gatti appena possono se li mangiano. Gli homeless poi abbondano e dormono per strada dove gli pare. Se mettete in conto anche tutte le malattie che hanno addosso endemiche, la situazione non è rosea. Venite a vivere in piccoli paesi, dove è più facile vederli e controllarli