Anarchici forzano il cordone e feriscono un ufficiale dell'Arma

Dopo gli scontri in mattinata con Casapound, gli antagonisti asserragliati nel centro sociale hanno provato a forzare il cordone di militari ferendo un tenente colonnello dell'Arma

Asserragliati nel circolo dopo la rissa con i militanti di Casapound, gli anarchici forzano il cordone di sicurezza dei carabinieri e feriscono un ufficiale dell'Arma che è finito in ospedale.

È accaduto a Ercolano, in provincia di Napoli, alla fine di una giornata campale segnata dalla virulenza dello scontro politico. È iniziato tutto nella mattinata di ieri quando Casapound s’è presentata nei pressi di un appartamento abitato dalla famiglia di un disabile cui era stato intimato lo sfratto per evitare che il provvedimento avesse seguito. Sul posto sono arrivati, come hanno riportato in una dichiarazione sui social i militanti della Tartaruga che hanno apertamente parlato di un “agguato”, una ventina di antagonisti ed è nata una rissa che s’è conclusa all’arrivo dei carabinieri quando gli antagonisti hanno trovato rifugio all’interno dei locali della loro associazione.

I membri della fazione anarchica di “Vesuvio Libertario” si sono asserragliati per ore nel loro circolo mentre, fuori dal centro sociale, c’erano i carabinieri che li attendevano. Per tutta la giornata, praticamente, gli abitanti della zona sono rimasti praticamente sospesi nel limbo della paura che da un momento all’altro si scatenassa una rivolta e alcuni dei negozianti del quartiere si sono visti costretti a chiudere le loro attività. In serata, alcuni di loro hanno tentato una sortita per forzare il blocco delle forze dell’ordine.

Come riporta Il Corriere del Mezzogiorno, è stato ingaggiato uno scontro tra i carabinieri e gli antagonisti. Uno dei militari in servizio, un tenente colonnello dell’Arma, è rimasto ferito ed è stato necessario trasferirlo in ospedale. Le sue condizioni non destano alcuna preoccupazione. Nel frattempo due estremisti sono stati fermati mentre si cercano ancora altre otto persone ritenute coinvolte nei fatti di ieri e che sarebbero riuscite a guadagnarsi una via di fuga confondendosi nella folla dei residenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 16/11/2016 - 14:37

ovviamente I terroristi comunisti saranno tutti scarcerati e scaguionati da tutte le accuse. il Tenente colonnello dei Carabinieri ricevera' un biasimo da parte del giudice perche' ''non si sarebbe dovuto trovare li' ''. poco importa se tra I terroristi comunisti vi sono figli di avvocati, giudici, medici , politici.

VittorioMar

Mer, 16/11/2016 - 16:05

...gli è stato chiesto di pagare il RICOVERO???

Tarantasio

Mer, 16/11/2016 - 16:15

ancora con questa storia di affibbiare il termine anarchico a tutti i t d c, basta per favore, chiamateli con il loro nome e lasciate stare l'ANARCHIA!

venco

Gio, 17/11/2016 - 08:30

Ma la vera delinquenza sta nei sinistri centri sociali.

Ritratto di lacedemone

lacedemone

Gio, 17/11/2016 - 08:31

Questi comunistelli non meritano l'appellativo di "anarchici".Gli anarchici sono libertari ed individualisti, i comunistelli in questione sono illiberali ed ultra-collettivisti.

Ritratto di tokarev

tokarev

Gio, 17/11/2016 - 08:34

non avete il coraggio di uscire di casa se non scortati dalla sbirraglia e ve la prendete con chi il coraggio ce l'ha...poverini...patetici...