"Schiaffo" del feroce assassino. Ecco dov'era la sera del funerale di Daniele ed Eleonora

Questo suo atteggiamento inusuale è stato notato solo successivamente; anche il suo partecipare alle foto di gruppo, perfino davanti alla torta con la festeggiata, stridevano con il suo modo di essere

Nessuno poteva immaginare che a quella festa, in cui l’argomento principale di discussione era l’omicidio dell’arbitro di Lecce Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, ci fosse il killer della coppia. Chi ha partecipato al ballo dei tirocinanti di infermieristica dell’ospedale Vito Fazzi ha raccontato di un Antonio De Marco tranquillo come al solito, anzi, anche meno schivo rispetto a quando lo si incontrava nei reparti della struttura ospedaliera. Nonostante si parlasse del delitto, che lo riguardava personalmente, non mostrava alcun turbamento; qualcuno lo ha visto perfino ballare. Aveva accettato di partecipare alla festa di compleanno di una collega tirocinante. Avrebbe dovuto avere la testa altrove dopo l’omicidio, poteva non prendere parte ai festeggiamenti e invece quella sera del 26 settembre era in quel luogo, cercando di negare anche a se stesso ciò che era accaduto.

Antonio non ha molte amicizie a Lecce, non le aveva neppure a Casarano, nel suo paese d’origine, solo conoscenze tra i tirocinanti infermieri dell’ospedale che frequenta quotidianamente e quella presenza alla festa probabilmente è stata un po’ forzata. Quasi sicuramente, come scrive il Corriere della Sera, un modo per sviare i possibili sospetti su di lui, un tentativo di dimostrare di non essere coinvolto nell’omicidio continuando la vita in maniera normale. Questo suo atteggiamento inusuale è stato notato solo successivamente; anche il suo partecipare alle foto di gruppo, perfino davanti alla torta con la festeggiata, stridevano con il suo modo di essere, con il suo carattere taciturno e riservato.

Ha avuto anche la freddezza di sedersi a tavola e cenare con i colleghi come se nulla fosse accaduto. Appena due giorni dopo quel velo di ipocrisia sarebbe caduto miseramente. Lunedì, all’uscita dal reparto del Fazzi, Antonio è salito nell’auto di una tirocinante a cui aveva chiesto un passaggio fino a casa. Una volta giunto a destinazione ha trovato i carabinieri e ha capito che la recita era terminata. Le telecamere di sorveglianza lo avevano ripreso, nella serata del duplice delitto, mentre rincasava a piedi con un coltello nello zaino e gli inquirenti avevano scandagliato a fondo i cellulari delle vittime. La sua strategia non ha funzionato, qualora l’assassino l’abbia poi veramente messa in atto e non sia stato semplicemente travolto dagli eventi, eseguendo un copione più sull’onda emotiva che organizzando un vero e proprio piano per sviare le indagini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

MEFEL68

Mer, 30/09/2020 - 11:44

Spero che la manifesta follia dell'assassino non contribuisca a ridurre la pena. L'infermità mentale dovrebbe costituire un'aggravante e non una giustificazione. Se una persona uccide per una causa,è quasi sicuro che non andrà in giro ad uccidere senza motivo; il folle, invece, poichè risponde ad impulsi incontrollabili, certamente reiterà l'omicidio senza nessun motivo. Per questo, pur provando pietà per lui, bisogna, per la sicurezza di tutti, isolarlo il più possibile. Staremo a vedere...

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Mer, 30/09/2020 - 12:39

MEFEL68 - La follia non 'riduce' necessariamente la pena, la cambia, uno va nei reparti psichiatrici. Invece io spero che non venga proprio accettata la tesi della follia. Troppo agevole.

IlCazzaroNero

Mer, 30/09/2020 - 16:39

E ti pareva. Uno si è fatto vivo, il prode Moichiodofisso, ma non x difendere l operato dei nostri guardiani del confine (guardia costiera e guardia di finanza), ma per giustificare i tunisini che secondo il suo demente pensiero non facevano nulla di scandaloso: ma forse prima ci avevano scaricato dei clandestini e poi per pagarsi il viaggio di ritorno, pescavano nel nostro mare

necken

Mer, 30/09/2020 - 19:33

Qualcuno dirà che si tratta di un pazzo come avviene in caso di delitti incomprensibili per una persona normale ed incolpera le istituzioni che non hanno saputo formare un cittadino normale

maricap

Gio, 01/10/2020 - 12:14

Nessuno tocchi Caino! Almeno questo è il motto, di certi comunistoidi.