Bancarotta, chiesti 7 anni di condanna per Cecchi Gori

L'imprenditore è sotto processo per il dissesto della Safin Cinematografica, società del gruppo fallita nel febbraio 2008, con un buco da 24 milioni di euro

Bancarotta, chiesti 7 anni di condanna per Cecchi Gori

Per il dissesto della Safin Cinematografica, società fallita nel febbraio 2008, il pm Stefano Rocco Fava ha chiesto ai giudici della I sezione del tribunale sette anni di reclusione per Vittorio Cecchi Gori. La condanna è stata chiesta anche per altri sei imputati, per un crac da 24 milioni di euro. I reati contestati sono, a seconda delle diverse posizioni processuali, bancarotta e omesso controllo sulla gestione della società. La sentenza è attesa per venerdì.

Il pubblico ministero ha chiesto una condanna a 5 anni per il braccio destro di Cecchi Gori, Luigi Barone; 4 anni per Edoardo De Memme e Ettore Parlato, entrambi liquidatori della società e Giorgio Ghini, componente del collegio sindacale della Safin. Sono stati chiesti 3 anni e mezzo di reclusione anche per altri due componenti del collegio sindacale della stessa società, Alessandro Matteoli e Vittorio Micocci.

Commenti