Un barcone fantasma alla deriva: "Spariti 50 migranti"

Un'imbarcazione carica di migranti dispersa nel Mediterraneo. E le ong accusano Libia e Italia: "Non risponde nessuno"

Un barcone fantasma alla deriva: "Spariti 50 migranti"

C'è un "barcone fantasma" nel Mediterraneo. A bordo ci sono una cinquantina di migranti (tra cui donne e bambine), ma di loro non si sa più nulla da ieri sera.

Dall'imbarcazione sono infatti partite ieri infatti due richieste di aiuto - una nel pomeriggio e una alle 22 - verso il numero di Alarm phone, servizio messo in piedi da una rete di attivisti per migranti in difficoltà nel Meditterraneo. "Dove sono?", scrive la ong sulla sua pagina Facebook accusando i libici di non aver prestato soccorso: "Da ieri sera abbiamo cercato di contattare la c.d. 'Guardia Costiera' libica ininterrottamente su diversi numeri di telefono", dicono, "Quando abbiamo informato #MRCC #Roma (il centro di comando delle capitanerie di porte, ndr) della mancanza di risposta della #Libia e ci hanno passato un numero che avevamo già tentato diverse volte senza esito! Da circa 12 ore nessuno risponde al telefono del gruppo di #migranti. Siamo preoccupati perché nessuna autorità è disponibile a soccorrere. La @guardiacostiera italiana non fornisce informazioni. Non ci comunicano neanche se sono riusciti a contattare le autorità libiche".

Sul caso sempre via social è intervenuta anche Open Arms. "La #Libia non risponde, l'Italia non risponde", accusa la Ong spagnola, "Nessuno coordina i soccorsi, nessuna nave, non c'è nessuno. Quanti morti costeranno queste elezioni europee? Dovremo aspettare maggio per tornare a salvare la vita di uomini, donne e bambini?"

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti