Cronache

Bari, autista di linea picchiato da due giovani passeggeri

La vittima aveva invitato gli aggressori a spegnere la sigaretta sul bus. L'uomo ha riportato la rottura del setto nasale

Bari, autista di linea picchiato da due giovani passeggeri

Un nuovo caso di aggressione a bordo di un autobus. La vittima, ancora una volta, è un autista. Il fatto è accaduto in pieno giorno in Puglia, a Bari, nel quartiere San Pio.

Il conducente del bus dell'Amtab, l'azienda municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico nel capoluogo pugliese, ha chiesto a due giovani passeggeri di non fumare sul mezzo. La risposta dei due baresi che avevano acceso la sigaretta sul bus è stata un'aggressione. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, intervenuti sul posto, i passeggeri si sarebbero rifiutati di spegnere la sigaretta e da lì sarebbe nato un diverbio finito in una vera e propria aggressione.

La vittima ha riportato la rottura del setto nasale guaribile in venticinque giorni. Sul posto, oltre ai militari, sono giusti i sanitari del 118.

Quando i militari dell'Arma, dopo la segnalazione, sono arrivati, non hanno trovato i due giovani baresi che sono fuggiti subito dopo aver picchiato l'autista. Inoltre, secondo quanto si legge sul quotidiano regionale "La Gazzetta del Mezzogiorno", non c'erano altri passeggeri che potessero testimoniare quanto accaduto.

Pertanto, gli investigatori hanno chiesto l’acquisizione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza posizionate all'interno dell'autobus per identificare i due aggressori.

Come si legge sulla pagina Facebook del Faisa Cisal, la federazione autonoma italiana sindacale autoferrotranvieri, il segretario generale nazionale, Mauro Mongelli, esprime solidarietà all'autista aggredito e, nel post, viene lanciato un hashtag: "#bastaaggressioni".

Non è, infatti, il primo caso, in Puglia, in cui uno dei conducenti di un'azienda di trasporti pubblici viene aggredito.

A settembre scorso, a Taranto, un altro autista è stato picchiato da un passeggero, un immigrato, durante il turno di lavoro. La vittima, in quel caso, ha riportato un'ecchimosi sul viso oltre ad avere gli occhiali che indossava rotti.

Ad aggredirlo, come detto, un immigrato di origine gambiana di 21 anni che fu denunciato dalla polizia per lesioni personali ed interruzione di pubblico servizio. L'episodio avvenne in pieno centro storico sotto gli occhi degli altri passeggeri dell'autobus. Sul posto intervenne subito una pattuglia del commissariato dopo la segnalazione e i sanitari del 118.

L'aggressore non aveva il ticket di viaggio. All’invito dell’autista di ottemperare all’obbligo dell’acquisto e dell’obliterazione del biglietto, il cittadino extracomunitario prima inveì e, poi, aggredì l'uomo.
Il 21enne, un immigrato con regolare permesso di soggiorno, dopo l'episodio, come detto, fu accompagnato presso gli uffici del commissariato del quartiere "Borgo" e denunciato.

Commenti