Bari, poliziotto si suicida negli uffici della digos

Inutili i soccorsi dei colleghi e del personale del 118. Si indaga sulle cause

Un gesto drammatico e che interroga su cosa possa aver causato un così insondabile disagio. E' accaduto negli uffici della digos di Bari. Il tragico epilogo della vita di un poliziotto si è consumato lì, tra le mura "famigliari" del luogo di lavoro. Nel pomeriggio di venerdì scorso, un agente della polizia di 56 anni, prossimo alla pensione, si è tolto la vita sparandosi con la pistola d'ordinanza.
Non si conoscono i motivi del gesto estremo compiuto dall'uomo pubblicamente. I primi a soccorrerlo sono stati i suoi stessi colleghi che erano presenti, al momento del suicidio, negli uffici della digos del capoluogo di regione pugliese.

Subito sul posto sono intervenuti anche gli operatori del 118 prontamente chiamati dai poliziotti che soccorrevano l'uomo, ma sono stati inutili i tentativi di rianimarlo. Il poliziotto non ce l'ha fatta ed è spirato di lì a poco. Ora sono in corso le indagini per far luce sull'accaduto. Comprensibile lo stato d'animo dei colleghi sconvolti dal gesto e attraversati da dubbi e domande sul perché sia potuto accadere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.