Battute su neri e gay: così il film di Natale sbugiarda i buonisti

«Negri», «finocchi» e tette alla vigilia di Natale. Non siamo impazziti. E per fortuna non c'è nulla di sconvolgente, anzi. Perché è finzione e come tale deve essere reale e realistica. Tra le poche certezze del Natale, oltre al panettone, i reportage dalle spiagge assolate di Mondello con tanto di audaci bagnanti dicembrini, le polemiche sui presepi nelle scuole e l'inesorabile ghigliottina della bilancia post abbuffate, ce n'è una a cui teniamo particolarmente. Usanza moderna, pure post moderna, catodica e volatile: Una poltrona per due.

Italia Uno, da ventidue anni, ogni 24 dicembre, manda in onda la celebre commedia di John Landis del 1983 con Dan Aykroyd ed Eddie Murphy. E dal 1997 la pellicola continua a macinare share: quest'anno è stata battuta solo dalla diretta della messa di Papa Francesco. La storia è semplice e arcinota, ma, se in quattro lustri non avete avuto occasione di vederla, ve la riassumiamo: un broker e un mendicante finiscono al centro di una scommessa, organizzata da due ricconi di Wall Street, che prevede che le vite dei due s'invertano per studiarne il risultato. Alla fine le due inconsapevoli pedine scoprono il gioco e incastrano i due spietati burattinai. Una favola natalizia a lieto fine. Classicissima e pure un po' buonista: con i soliti capitalisti annoiati e cinici che giocano con i destini altrui.

Eppure quest'anno, riguardandolo per l'ennesima volta, faceva un effetto diverso. Saranno le esasperazioni del politicamente corretto, le ossessioni boldriniane che ci sono piovute addosso da tutte le parti, le censure reali e virtuali che si sono abbattute sulle parole che definiscono e quindi, inevitabilmente dividono, ma Una poltrona per due rischia di essere il metro di quanto si sono ingigantite le nostre paranoie.

Nella sola prima mezz'ora del film Eddie Murphy viene appellato tre volte come «negro» e altrettante volte altri personaggi vengono accusati di essere «finocchi» (e per sovrammercato ci sono pure delle scene di nudo). E sembra strano sentire queste parole uscire dalla tv. Ma si possono ancora dire?, ci si scopre a pensare. E poi viene un dubbio: prima o poi censureranno film come questo? Bruceranno le pellicole di Amici Miei e dei primi scorrettissimi cinepanettoni trasformandoli in «testi» carbonari da vedere di nascosto? Sono commedie, non diventino baluardo della libertà di espressione. Fateci un regalo tardivo di Natale: non seppellite una risata con le stupidaggini del politicamente corretto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Ven, 27/12/2019 - 19:38

Un Genitore1 feconda un Genitore2 e, dopo un certo tempo (che non si può dire per ragioni di privacy), nasce un/una o più (indecl.) figlio/a/i di cui nulla si può dire sempre per ragioni di privacy. Anzi non si sa neanche se abbiano un colore o siano del tutto trasparenti (l'optimum del politically correct) o addirittura se esistano davvero o se sia tutto/a/e/i fantasia/e/i/o/u, oppure si tratti di semplice demenza(e/i/o/u). Buon anno a tutti/e.

rodolfoc

Ven, 27/12/2019 - 21:31

Acquachiara, complimenti! Ho letto il tuo commento non so quante volte piegandomi sempre dalle risate! Ecco una satira intelligente che prende gentilmente a schiaffi i dementi del politically correct. Buon/a anno/a a tutti/e/o/u/x/y/z/w !/?

Ritratto di kikina69

kikina69

Sab, 28/12/2019 - 10:46

Acquachiara, commento top!!!

Ritratto di kikina69

kikina69

Sab, 28/12/2019 - 10:48

L'unica nota stonata di questo articolo è leggere che la diretta di don bergoglio ha superato, in share, la visione di questo film...chi come me non l'ha vista sarà attanagliato dal dubbio se abbia parlato di migranti o li abbia definiti clandestini...

Enricolatalpa

Sab, 28/12/2019 - 17:33

Acquachiara: non riesco a smettere di ridere. Lei è un grande!

trasparente

Sab, 28/12/2019 - 17:54

Veramente ci sarebbe anche da piangere, e con le lacrime riempierei una piscina per affogare i dementi.

pilandi

Dom, 29/12/2019 - 11:16

Quello che non avete capito é che nel film che citate il "nxxxo" é il buono mentre i "bianchi capitalisti" sono i cattivi, praticamente un opinione diametralmente opposta alla vostra.

carlottacharlie

Dom, 29/12/2019 - 11:37

Be, cominciamo ad inventarci qualcosa per seppellire: i politicamente corretti. gli idioti non hanno diritto di abbindolare il mondo, farlo diventare cxxxxxo come lor sono.