La biologa che ha isolato il virus: “Resterà per molto tempo”

“L'emergenza che abbiamo è quella di rallentare la corsa del virus, mitigarne gli effetti, senza arrestare del tutto il sistema. La giusta misura è difficilissima da trovare”, spiega la dottoressa Capobianchi

Non ci libereremo tanto presto del Coronavirus, questa la convinzione della dottoressa Maria Rosaria Capobianchi, direttrice del laboratorio di virologia presso l'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”. Intervistata da “Il Corriere della Sera”, la biologa ora conosciuta per aver isolato il Sars-CoV-2 in Italia, spiega che c'è ancora tanto da fare e da conoscere prima di poter finalmente lasciarci alle spalle il patogeno. “L'unico virus che finora l'umanità ha completamente debellato è il vaiolo. Qualsiasi prospettiva di un'uscita rapida da questa pandemia, compreso l'arrivo dei vaccini, è un'ipotesi consolatoria”, dichiara la Capobianchi, che sino ad oggi ha lavorato alacremente, evitando le ospitate in televisione come certi altri suoi colleghi. Nei suoi anni di carriera la dottoressa si è trovata ad affrontare ad a studiare numerosi altri virus, alcuni anche molto più pericolosi e letali del Covid-19, come l'Ebola.

L'avversario che abbiamo davanti è poderoso, ma ne abbiamo conosciuti di più letali”, afferma infatti la direttrice. “Senza andare alla peste del 1600, che era però causata da un batterio e non da un virus, l'influenza spagnola del 1918 ha provocato più di 40 milioni di vittime e mezzo miliardo di contagi. Ed è andata a cicli, come tutte le pandemie. Succederà anche stavolta”.

Ma come si presenta il Coronavirus? La Capobianchi, che ha visto il patogeno attraverso il microscopio, prova a darne una descrizione su richiesta del giornalista. “È rotondeggiante, mentre quello di Ebola, per esempio, sembra più un bastoncello contorto”, racconta. “E poi ha un genoma tre volte più grande di quello dell'Hiv”. A questa struttura si aggiungono le famose “punte” che la ricercatrice definisce “zampette”, delle zampette “presenti come una corona sulla superficie, con le quali il virus si attacca ai recettori presenti su un'altra superficie, quella della cellula, per parassitarla”.

La Capobianchi spiega che il recettore utilizzato dal Coronavirus per infettare l'ospite si chiama Ace-2. “È un componente importante dei meccanismi fisiologici di regolazione cellulare: il virus lo usa come un ladro che con una chiave falsa si introduce in una casa per derubarla”, precisa la dottoressa. In questo modo il virus si trasmette di persona in persona, la replicazione è il suo modo di sopravvivere. “Da parassita qual è, diventa vivo solo quando riesce a entrare in una cellula”, aggiunge la biologa. “A quel punto, ne prende il controllo: come i virus dei computer, la manda in bomba, si impadronisce del suo metabolismo, si adopera per moltiplicarsi e dopo averla prosciugata ne esce per andare a infettare altre cellule”.

Ed è stato tramite la replicazione ed il passaggio da un individuo ad un altro che, tramite i viaggi extra-continentali, il virus ha raggiunto l'Italia. “A fine gennaio, i primi due turisti cinesi arrivati da noi mostravano i sintomi: i medici sono stati abbastanza acuti da ipotizzare la nuova malattia”, racconta la Capobianchi, “Allo Spallanzani abbiamo fatto rapidamente la diagnosi, identificando il virus grazie ad un frammento del suo genoma, e abbiamo allestito la coltura cellulare per ottenerne l'isolamento. Capito chi era, o cos'era, la catena di tracciamento ha funzionato e sono stati bloccati tutti i contatti dei due pazienti”.

Il virus però, come si sta sempre più affermando in questi giorni, si era diffuso nel nostro Paese già da molto prima, e nel nord Italia è riuscito ad infettare numerosi cittadini. Si tratta di un patogeno nuovo, spiega la dottoressa, nei confronti del quale l'essere umano non ha ancora sviluppato una immunità. “In più non è facile da riconoscere, i sintomi iniziali possono essere confusi con quelli di una banale costipazione, spesso sono sfumati o mancano del tutto. Ma in compenso è molto contagioso, si diffonde con estrema rapidità, aggredisce le vie respiratorie che sono l'accesso più disponibile, nel senso che tutti respiriamo ed entriamo in contatto con altra gente che respira”, continua la biologa.

Ma come difendersi dal virus? Come evitare la trasmissione? “Se fossimo perfetti nelle misure di protezione, il dramma diminuirebbe di molto”, ammette la Capobianchi, che poi bacchetta certi comportamenti. “Ma non siamo perfetti e il virus si approfitta di ogni crepa per infilarsi e riprodursi. Certo, se le crepe le allarghiamo da soli, come è successo questa estate, si è poi costretti a ricominciare da capo la conta dei contagiati, dei ricoveri, dei morti. Si è costretti a prendere misure di drastica limitazione della vita pubblica, che sono l'unico rimedio realisticamente praticabile. Anche se con un costo sociale altissimo”. La dottoressa è consapevole dei posti di lavoro persi e delle difficoltà incontrate dalla popolazione: “L'emergenza che abbiamo, non soltanto in Italia, è quella di rallentare la corsa del virus, mitigarne gli effetti, senza arrestare del tutto il sistema. La giusta misura è difficilissima da trovare”.

Quanto alle armi per combattere il virus, la Capobianchi afferma che al momento “non ci sono ancora terapie capaci di vincere il Covid”. Il virus, a suo dire, si può quindi solo contenere, non eliminare. Il vaccino? Tutto da vedere. “Quanto al vaccino, siamo molto vicini. Ma quanto durerà la protezione che ci garantirà? Non si sa. Potrebbe essere necessario ritirarlo ogni anno, come per il vaccino influenzale”, spiega la dottoressa, “perché è probabile che questo virus non sarà stroncato come è successo per il Sars-Cov nel 2002, e quindi avremo a che fare con lui, temo, ancora per molto tempo e diverse altre stagioni, come per le ondate di influenza”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

agosvac

Dom, 22/11/2020 - 12:25

Ma come si può sostenere che non si è sviluppata un'immunità al virus quando c'è un casino di persone che non solo sono asintomatiche ma non sono neanche positive????? Se siamo ancora vivi, almeno la maggior parte degli italiani, è proprio grazie all'immunità che ciascuno di noi sviluppa. Certo poi si può dire quello che vuole il Governo sulla enorme e falsa mortalità di questo virus. Ma la realtà è che siamo ancora entro lo 0,08 % di mortalità.

Nes

Dom, 22/11/2020 - 12:47

Trattano come il covid-19 avesse una sua intelligenza superiore proprio nel colpire l'essere umano, ciò non é possibile. Credo che sia l'uomo che aiuta il virus a propagarsi con comportamenti che andrebbero rivisti, penso che chiunque, con un minimo sforzo potrebbe con il suo comportamento tenersi il più possibile alla larga di questo covid-19, ovviamente aiutato da idonee misure di prevenzione e cure sanitarie che sono sempre mancate perché si arriva dopo che il coronavirus abbia colpito e mai prima.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Dom, 22/11/2020 - 13:29

Nell'azienda dove lavoro si fanno i test sierologici ogni 2 settimane; almeno due colleghi sono positivi all'Igg con tampone negativo, quindi hanno anticorpi senza accorgersi di aver fatto la malattia. Quindi o l'hanno fatta in maniera asintomatica o hanno sviluppato gli anticorpi per altra via.

pardinant

Dom, 22/11/2020 - 17:18

Una spiegazione molto precisa, come ci si potrebbe aspettare da un importante biologo. Quello che non riesco a sapere è: quanto può vivere il virus in ambiente esterno al corpo umano, in diverse situazioni e su tot casuale di persone asintomatiche quanti sono o resteranno immuni e perchè, quanti non ne subiscono effetti e se essi si sono o si stanno immunizzandosi e quanti sono quelli che arrivano a sintomi di rilievo? Possibile che a nessuno sia mai venuto in mente di prendere un congruo tot numero di persone e valutare statisticamente anche nel tempo la diffusione del virus nella popolazione?

Jon

Dom, 22/11/2020 - 17:47

Il Covid 19 o Sars2 NON E' ANCORA MAI STATO ISOLATO. PUNTO. Non continuiamo a dire sciocchezze..ITamponi rilevano ogni Virus Corona, con precisione spannometrica e non ripetibile..Elon MAsk ha appena fatto 4 test tampone ed i risultati sono 2 positivi e 2 negativi..!! Quando ci sbarazzeremo di tanti mentecatti della Sanita' e torneremo a farci curare dai nostri medici di Famiglia il VIrus non sara' piu' un pericolo..