Quel dato del bollettino Covid che fa sperare

L'ultima volta che il numero di decessi si era attestato al di sotto delle 100 unità era il 20 ottobre 2020

Quel dato del bollettino Covid che fa sperare

Si sono registrati quest'oggi in Italia 5.753 nuovi casi di Covid-19 (4.159.122 quelli appurati dalle fasi iniziali della diffusione del patogeno), in calo di circa un migliaio di unità rispetto a ieri, sabato 15 maggio, quando erano stati 6.659. Secondo i dati riferiti dal ministero della Salute, il numero dei nuovi contagi è conseguenza di 202.573 tamponi (con un tasso di positività quindi al 2,8%), per un totale di 62.902.667 effettuati dall'inizio dello scoppio della pandemia. Nella giornata di ieri, invece, i tamponi erano stati 294.686 (tasso di positività al 2,2%), complessivamente 92.113 in più rispetto ad oggi.

In calo rispetto a ieri (136) anche i decessi, quest'oggi in tutto 93, ovvero il dato più basso registrato da ben sette mesi a questa parte. Per trovare un numero al di sotto delle tre cifre bisogna, per l'appunto, tornare indietro fino al 20 ottobre 2020, quando i morti furono 89. In totale le vittime dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono state 124.156. Al momento risultano 328.882 italiani positivi al Coronavirus (con un calo di 3.948 unità), di cui 314.969 in isolamento domiciliare. Negli ospedali, invece, sono 12.134 i connazionali ricoverati con sintomi da Coronavirus (con un calo di 359 unità rispetto a ieri, 1.779 dei quali sono in reparti di terapia intensiva, vale a dire 26 meno di ieri per quanto riguarda il saldo quotidiano tra entrate ed uscite. I nuovi ingressi, invece, sarebbero stati 60, contro i 63 registrati nella giornata di sabato.

Sale a 3.706.084 complessivamente il numero dei guariti e dei dimessi (+ 9.603 nelle ultime ventiquattro ore). In tutta la settimana appena trascorsa, quindi, non è mai stato toccato un dato pari o superiore ai 10mila casi al giorno, evento che non si verificava, anche in questo caso, dallo scorso autunno.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, invece, al momento le dosi somministrate sono oltre 26,8 milioni. I cittadini italiani che, nello specifico, hanno già ricevuto entrambe le inoculazioni previste dai protocolli sono invece 8.370.461, numero che corrisponde al 14,13% della popolazione totale. Per la prossima settimana è prevista la consegna di circa tre milioni di nuove dosi di siero anti-Covid: per la precisione si tratta di 2,1 milioni di fiale Pfizer, 500mila di AstraZeneca, 100mila di Moderna ed infine 200mila unità del monodose prodotto da Johnson & Johnson.

Commenti

Grazie per il tuo commento