Boom di decessi: oltre 600, ma rallentano i nuovi contagi

Cala di 3 punti il rapporto positivi/tamponi. Diminuiscono i ricoveri in terapia intensiva, ma aumentano gli ordinari. Veneto maggior numero di contagi in 24 ore

Sono 14.242 i nuovi contagi su 141.641 tamponi nelle ultime 24 ore. I decessi registrati martedì 12 gennaio sono 616, ieri erano 448. Il tasso di positività con il 10,05% perde tre punti rispetto al 13,6% di ieri. Sono 6 in meno i pazienti in terapia intensiva per il Covid-19 in italia nelle ultime 24 ore, nel saldo tra ingressi e uscite, secondo i dati del ministero della Salute. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 196, portando il totale a 2.636. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono aumentati di 109 unità, portando il totale a 23.712. In isolamento domiciliare ci sono 543.692 persone, 6.042 in meno di ieri.

Le regioni con il maggior numero di tamponi positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, sono: Veneto 2.134, Sicilia 1.913, Emilia Romagna 1.563, Lazio 1.381, Puglia 1.261, Lombardia 1.146.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 7.714 tamponi molecolari sono stati rilevati 586 nuovi contagi ai quali si aggiungono 61 casi già risultati positivi al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test molecolare, con una percentuale di positività dell'8,39%. Sono inoltre 2.016 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono stati rilevati 168 nuovi casi (8,33%). I decessi registrati sono 20, ai quali si aggiungono 2 morti pregresse afferenti al periodo tra il 23 novembre e l'11 dicembre 2020. I ricoveri nelle terapie intensive sono 68 mentre quelli in altri reparti scendono a 671. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 1.950, con la seguente suddivisione territoriale: 483 a Trieste, 905 a Udine, 428 a Pordenone e 134 a Gorizia. I totalmente guariti aumentano a 41.208, i clinicamente guariti salgono a 1.165, mentre le persone in isolamento sono 12.179. Da inizio pandemia i casi da tampone molecolare sono 57.241 con la seguente suddivisione territoriale: 11.935 a Trieste, 25.119 a Udine, 12.318 a Pordenone, 7.150 a Gorizia e 719 da fuori regione.

VALLE D'AOSTA

Sono 14 i nuovi casi di coronavirus emersi in Valle d'Aosta su 422 tamponi e 1 decesso per un totale di 392 dall'inizio della pandemia. Il totale dei contagi ammonta a 7.546. I casi positivi attuali sono in calo di 10 unità (432). In aumento i guariti: 32 in più nelle ultime 24 ore, 6.722 complessivamente. I ricoverati sono 49, 1 in più in terapia intensiva. Sono 382 i pazienti in isolamento domiciliare.

LIGURIA

Sono 14 i nuovi casi di coronavirus emersi in Valle d'Aosta su 422 tamponi e 1 decesso per un totale di 392 dall'inizio della pandemia. Il totale dei contagi ammonta a 7.546. I casi positivi attuali sono in calo di 10 unità (432). In aumento i guariti: 32 in più nelle ultime 24 ore, 6.722 complessivamente. I ricoverati sono 49, 1 in più in terapia intensiva. Sono 382 i pazienti in isolamento domiciliare.

EMILIA ROMAGNA

Sono 1563 i nuovi casi di positività al coronavirus in Emilia-Romagna e i nuovi decessi 51. Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in regione si sono registrati 194.395 casi di positività, 1.563 in più rispetto a ieri, su un totale di 16.653 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 9,4%. Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, in questa prima fase riguardante il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani: il conteggio progressivo delle somministrazioni effettuate si può seguire in tempo reale on line, sul nuovo portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all'argomento.

TOSCANA

Sono 303 i positivi in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 125.633 unità. I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 303 casi odierni è di 47 anni circa (il 17% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 27% tra 40 e 59 anni, il 18% tra 60 e 79 anni, il 15% ha 80 anni o più). I guariti crescono dello 0,5% e raggiungono quota 113.005 (89,9% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.978.712, 7.569 in più rispetto a ieri, di cui il 4% positivo. Sono, invece, 2.634 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui l'11,5% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 5.232 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 8.723, -3,3% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 910 (23 in meno rispetto a ieri, meno 2,5%), 137 in terapia intensiva (7 in meno rispetto a ieri, meno 4,9%). Oggi si registrano 21 nuovi decessi: 12 uomini e 9 donne con un'età media di 87,2 anni.

LAZIO

"Oggi su oltre 13mila tamponi nel Lazio si registrano 1.381 casi positivi, 42 i decessi e +1.633 i guariti. Diminuiscono i decessi e i ricoveri, mentre aumentano i casi e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 10% ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 4%. I casi a Roma città tornano a quota 800". Lo rende noto l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

PUGLIA

Su 10.458 test per l'infezione da Covid-19, sono stati registrati 1.261 casi positivi: 398 in provincia di Bari, 96 in provincia di Brindisi, 151 nella provincia BAT, 299 in provincia di Foggia, 82 in provincia di Lecce, 232 in provincia di Taranto, 2 residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 42 decessi: 22 in provincia di Bari, 1 in provincia BAT, 3 in provincia di Brindisi, 8 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.133.040 test; 45.506 sono i pazienti guariti; 55.250 sono i casi attualmente positivi.

CAMPANIA

Cala, nelle ultime 24 ore in Campania, la curva dei contagi in Campania. Secondo i dati resi noti dall'Unità di crisi della Regione Campania sono 662 i positivi al Covid - 25 sintomatici - su 8747 tamponi esaminati. La percentuale positivi-tamponi (ieri al 10,53%) oggi è invece pari al 7,56%. 44 le nuove vittime - 13 nelle ultime 48 ore e 31 in precedenza ma registrate; ieri; - e 2.746 le persone guarite. ;Questo il Report posti letto su base regionale: Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656; Posti letto di terapia intensiva occupati: 109; Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (Posti letto Covid e Offerta privata); Posti letto di degenza occupati: 1.414.

BASILICATA

La task force regionale comunica che ieri, 11 gennaio, sono stati processati 1.222 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 171 (e fra questi 156 residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono decedute 3 persone: 1 residente a Lavello, 1 a Moliterno, 1 a Satriano di Lucania. Risultano guarite 92 persone (89 residenti e 3 non residenti). Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 6.500 di cui 6.402 in isolamento domiciliare. Sono 4.984 le persone residenti in Basilicata guarite dall'inizio dell'emergenza sanitaria e 274 quelle decedute.

SARDEGNA

Oggi in Sardegna 411 nuovi positivi al Covid19 e 14 morti. Il bilancio sale dunque a 34.436 i casi di positività e 850 vittime dall'inizio dell'emergenza. Secondo quanto rilevato dall'Unità di crisi regionale, delle 14 vittime di oggi sei erano residenti della provincia del sud Sardegna, quattro della provincia di Oristano, due della città metropolitana di Cagliari e due rispettivamente delle province di Sassari e Nuoro. In totale sono stati eseguiti 512.981 tamponi con un incremento di 2.620 test. Sono invece 522 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+5 rispetto al dato di ieri), mentre sono 45 (-3) i pazienti in terapia intensiva.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 12/01/2021 - 17:55

I lockdown non servono a una mazza! Il governo andrebbe messo in lockdown.

Calmapiatta

Mar, 12/01/2021 - 18:09

616...Età media? E i positivi di oggi, sappiamo quando è stato eseguito il tampone? No. Ergo tutti i numeri, presi a se stanti, non hanno senso. Una cosa è certa, la chiusura e il lockdown non è una risposta.

fabioerre64

Mar, 12/01/2021 - 18:25

@Calmapiatta, l'unica regione che ha comunicato il dato dell'età è la Toscana, 21 decessi, età media 87,2, 5 anni sopra l'età media di morte in Italia. Praticamente si tratta di persone che, con tutto il rispetto per loro e per i loro familiari, di qui a qualche giorno o al massimo mese, sarebbero morte anche di raffreddore. Ma altrimenti come si potrebbe giustificare lo stato di emergenza? Come giustamente ha detto oggi Zangrillo su un altro quotidiano: "nel nostro ospedale, dal 22 dicembre, abbiamo una media di 4 ricoverati al giorno per covid, non c'é nessuna emergenza"

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 12/01/2021 - 19:10

@mbferno - attento che ti ascoltano, magari potrebbero farlo il lockdown e andarsene a casa di conseguenza. ma prima ci vuole il rito propiziatorio se no questi non se ne vanno mai, neppure dopo elezioni, come Trump. Il rito sarebbe che Renzi dica a COnte: "stai sereno". Quella frase è magica, sotterra tutti.

Ritratto di sr2811

sr2811

Mar, 12/01/2021 - 19:24

Scusate ma se persone malate e guarite dopo appena 6 mesi non avevano più anticorpi che facciamo un vaccino ogni 6 mesi?

necken

Mar, 12/01/2021 - 19:54

i decreti non servono se la gente non rispetti i distanziamenti e le altre misure basilari gia previste da marzo US. Comunque l'immunita di gregge prima o poi funziona era già successo con la spagnola un secolo fà

Zecca

Mar, 12/01/2021 - 20:07

Governo a casa! Solo in Italia questo disastro! Invece all’estero va tutto bene, tutto aperto. In Germania solo 1000 morti al giorno, negli Stati Uniti solo 4000. Negozi aperti, bar, ristoranti, palestre ok. Gente che balla per strada...