Brescia, getta carta a terra e viene redarguito: indiano pesta 35enne

Il 32enne è stato colto in flagranza dai carabinieri nei bagni di un centro commerciale, proprio mentre tentava di ripulirsi del sangue dell'avversario che aveva ancora addosso: per lui obbligo di firma

Rimprovera un uomo che butta della carta per terra senza curarsi minimamente del gesto d'inciviltà, per questo motivo un uomo di 35 anni è stato preso a pugni a Brescia, finendo al pronto soccorso dell'ospedale con una prognosi di circa sette giorni.

Protagonista in negativo della vicenda un 32enne di nazionalità indiana il quale, pur avendo tentato di far perdere le proprie tracce e di far sparire gli elementi che potessero ricondurre a lui come aggressore, è stato tratto in arresto dai carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Brescia.

Secondo quanto riferito dai quotidiani locali, l'episodio si è verificato durante la giornata della scorsa domenica 16 febbraio. La vittima, un uomo di nazionalità romena, stava camminando tra Viale Italia e le vie limitrofe alla stazione ferroviaria locale, quando si è imbattuto nell'indiano. Iirritato dal gesto incivile del 32enne, che si era sbarazzato di una cartaccia gettandola tranquillamente per terra, è intervenuto per redarguirlo e suggerirgli di utilizzare gli appositi cestini. Un'intromissione che non ha fatto per nulla piacere all'indiano il quale, senza pensarci due volte, ha centrato con un forte pugno in pieno volto il 35enne, utilizzando un bracciale che portava al polso a mò di tirapugni così da infliggere al rivale un colpo ancora più efficace.

Il romeno è rovinato al suolo ed ha iniziato a perdere parecchio sangue dalla ferita riportata, mentre l'aggressore ha subito provveduto ad allontanarsi dal posto nel tentativo di sparire prima dell'arrivo delle forze dell'ordine. Quando i carabinieri hanno raggiunto il ferito per aiutarlo, gli hanno chiesto qualche indicazione sul suo aggressore, prima di affidarlo alle cure dei sanitari del 118, che lo hanno condotto al pronto soccorso. Dopo aver medicato le lesioni riportate, i medici hanno accordato le dimissioni, attribuendogli una prognosi di circa una settimana.

Nel frattempo proseguivano le ricerche del responsabile, rintracciato grazie alla preziosa testimonianza di alcuni passanti che lo avevano visto fuggire all'interno del vicino centro commerciale Freccia Rossa. Ed è proprio nei bagni dell'edificio che gli uomini dell'Arma lo hanno ritrovato: il 32enne stava disperatamente cercando di ripulirsi dal sangue del romeno che gli era rimasto addosso.

Ai polsi dell'indiano sono pertanto scattate le manette. Per lui l'accusa di lesioni personali, aggravate dall'uso del bracciale, utilizzato per infliggere al 35enne dei danni maggiori. Finito dietro le sbarre di una cella di sicurezza, il 32enne ha subito il giudizio direttissimo nel tribunale di Brescia, cavandosela con un semplice obbilgo di firma fino alla celebrazione del processo che lo vedrà imputato per i reati ascritti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mar, 18/02/2020 - 15:56

un'altra risorsa che v'insegna a vivere????

cgf

Mar, 18/02/2020 - 16:07

ora quella carta gettata via richiamerà tante altre "carte", si ricorderà tutta la vita di usare i cestini

venco

Mar, 18/02/2020 - 16:12

L'immigrato al primo reato va recluso fino al suo rimpatrio, è illegale tenerlo libero in Italia.

Giorgio Rubiu

Mar, 18/02/2020 - 16:32

Da che guerra fugge l'indiano?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mar, 18/02/2020 - 16:39

Questi episodi di rituale violenza e quotidiano degrado, di cui si viene a conoscenza, sono solo la punta di un gigantesco iceberg. Mica c'è qualche fessacchiotto che crede che i fattacci che si verificano siano solo quelli di cui si parla su qualche raro giornale, vero? La situazione è drammatica in tutta Italia. Però non ci sono problemi: ci sono i pagliacci, anche ben pagati per scrivere e dire fregnacce, che vogliono farci credere che i problemi dell'Italia siano altri. Come assicurano costoro, le vere emergenze del paese sono altre: le tasse alte, lo ius soli che la destra non vuole, gl'invasori che, poverini, rischiano di crepare in mare, il fascismo che avanza, il razzismo che dilaga, la discussione oziosa sulla prescrizione, i diritti, ancora diritti, sempre diritti e, dulcis in fundo, le svastiche sui campanelli...

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 18/02/2020 - 16:41

Ecco il "frutto" delle DEPENALIZAZIONI ,se l'è cavata con il SOLO obbligo di firma!!! Cosi da poter continuare IMPUNITO a gettare cartacce per terra!!! AUGH.

Ritratto di Mario96

Mario96

Mar, 18/02/2020 - 16:42

Senza ironia un plauso al senso civico del romeno vittima dell'inciviltà dell'indiano.

Ritratto di Mario96

Mario96

Mar, 18/02/2020 - 16:44

Ci sono immigrati che delinquono (in questo caso l'indiano) e vorrei fossero cacciati dall'Italia e immigrati onesti che lavorano (in questo caso il romeno)e meritano rispetto.

necken

Mar, 18/02/2020 - 17:12

il vizio di buttare cartaccie, contenitori, bottiglie, avanzi vari è una abitudine tipica degli italiani, che non amono essere rimproverati. in quanto ritengono un diritto farlo, mentre i divieti sono una limitazione della liberta dell'individuo

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 18/02/2020 - 17:44

necken- degli Italiani al di la del Po! Fatti un giro per il Friuli Venezia Giulia, vedrai che raramente trovi cartacce a terra!

ginobernard

Mar, 18/02/2020 - 17:53

"per lui obbligo di firma" "27 Cost., va adeguata all'effettiva responsabilità penale, in modo da assicurare la piena proporzionalità fra offesa, da una parte, e qualità e quantità della sanzione, dall'altra. Sicché una pena ingiustificatamente aspra tradirebbe, al contempo, il principio di proporzionalità della pena, sancito dall'art.29 ago 2019" non potrei mai fare il giudice ... mai Sarei esagerato con le pene

Italianocattolico2

Mar, 18/02/2020 - 18:04

Ripeto ancora : Extracomunitario probabilmente senza documento di ingresso, domani sarà già sparito dalla zona e rifugiato presso qualche amico in un altro appartamento. Complimenti al romeno per la sua civiltà e un plauso speciale al magistrato che ha "obbligato" alla firma il selvaggio zozzone e violento che porta un bracciale per ferire meglio. Questa bestia andava espulsa al volo e condannata a pagare i danni al ferito. Ma si sa che le risorse non si toccano. L'indiano poi, stava scappando dalla guerra e dalla fame e dalle persecuzioni...!! Buffoni e falsi.

cgf

Mar, 18/02/2020 - 18:17

@ginobernard provi ad immaginare di prendersi un pugno in pieno viso con un tirapugni per futili motivi

Ritratto di frank60

frank60

Mar, 18/02/2020 - 18:19

Anche questo signore si merita una pena esemplare....Come i nostri Giudici sanno applicare.