Brescia, sindaco inneggia al Duce e il Prefetto lo denuncia

Andrea Bianchi, sindaco di Trenzano (Brescia) è stato denunciato per aver inneggiato al fascismo su Facebook

Brescia, sindaco inneggia al Duce e il Prefetto lo denuncia

Andrea Bianchi, sindaco di Trenzano, comune di 5mila anime nella Bassa Bresciana, è stato denunciato alla polizia Postale dal Prefetto di Brescia Annunciato Valde’. Il primo cittadino si sarebbe scagliato contro la legge Fiano su Facebook con frasi che inneggianti al duce e al fascismo.

Fascismo e insulti

Bianchi, rieletto nel 2013 con una civica di centro destra avrebbe postato frasi come "Stato di merda, tornerà il fascismo" e anche altre contro il presidente della Camera Laura Boldrini. Il sindaco di Trenzano non è nuovo a trovate simile. Nel 2015 infatti fu denunciato per insultato lo Stato su Facebook. Il motivo quella volta fu una manifestazione contro i profughi organizzata da Forza Nuova, alla quale partecipò in prima fila.

Ma le cronache si ricordano di lui anche per aver negato a poco instanti dal giuramento la cittadinanza italiana a una ottantenne di origine pakistana residente a Trenzano. Un caso che fece molto discutere.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti