Briatore: "Il governo naviga a vista e con tutti questi decreti affossa le aziende"

L'imprenditore ha evidenziato che il decreto liquiità ha tre problemi in quanto "non è semplice, non è accessibile e non è veloce”

Un governo che naviga a vista e che con tutti questi decreti affossa le aziende”. Lo ha evidenziato Flavio Briatore durante la puntata di ieri sera di Dritto e rovescio, in onda su Rete 4, parlando dei provvedimenti dell'esecutivo per contrastre il coronavirus.

Il governo

L’imprenditore ha precisato che all’interno del governo “nessuno ha avuto esperienza” e lo si può notare da come si comportano politicamente. Secondo il manager, nella maggioranza ci sono 4 partiti slegati tra loro. “Abbiamo i 5 Stelle che sono inadeguati - ha precisato Briatore -, ma non è colpa loro perché non hanno mai gestito niente e non sanno cosa vuol dire amministrare un’azienda”. L’imprenditore ha sottolineato che il Partito democratico continua a litigare con i grillini e poi c’è Matteo Renzi che se la prende con tutti e due.

Un accenno anche sul premier Giuseppe Conte. "Il suo problema - ha spiegato - è quello di essere sempre alla ricerca del consenso e quando una persona cerca il consenso non è utile, soprattutto in questa situazione disastrosa". Il manager è infatti convinto che il presidente del consiglio agisca al fine di aumentare la sua popolarità.

Briatore ha quindi fatto un paragone. “È come avere una barca e navigare a vista” e questa situazione si sta verificando nel nostro esecutivo dove “navigano tutti a vista”, come ribadito dal manager. Per Briatore, l’esecutivo ha preso delle decisioni senza tenere in considerazione chi è proprietario di un’impresa. “Sono le aziende che creano il lavoro - ha ribadito -, per cui tutti questi decreti affossano le aziende”.

I soldi alle imprese

L’imprenditore ha parlato del decreto liquidità che prevede 400 miliardi da destinare alle imprese. Il manager ha sottolineato che questo provvedimento ha tre problemi in quanto “non è semplice, non è accessibile e non è veloce”. E poi ha aggiunto che si tratta di “un prestito con gli interessi”. Briatore ha ricordato come in questo periodo le aziende siano rimaste chiuse perché così ha deciso il governo e “non per colpa degli industriali, dei commercianti, degli artigiani perché hanno fatto male il loro lavoro”. Quindi ha evidenziato che in questa fase le imprese “non dovrebbero pagare tasse, contributi, affitti. È inutile che ci diano soldi per pagare questi debiti che poi non riusciamo a recuperarli”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 10/04/2020 - 12:04

certo. però non dimentico che hai applaudito al governo lega-m5s, e pure a salvini , che ha messo all'angolo berlusconi e meloni :-) complimenti! adesso ti lamenti? ma fatti da parte.....

antoniopochesci

Ven, 10/04/2020 - 12:24

Nessuno può negare che il 99% degli Italiani stia rispettando tutte le regole imposte dall'emergenza. Non c'è però un dogma, anche il più granitico, che non si possa contestare, partendo dal principio laico che ciò che era valido ieri, oggi e soprattutto domani, possa non esserlo più. Partendo dal presupposto che vanno preservati sempre e comunque i due criteri guida adottati: distanziamento sociale e mascherine, è arrivato il momento in cui con razionalità e senza preconcetti si possa gradualmente cercare una via concreta che limiti i danni dell'incombente emergenza economica. Ci sono in sintesi tante attività commerciali che possono essere riavviate senza che chi le proponga sia sbeffeggiato e sommerso da attacchi tanto facili quanto immotivati. Ed su questo punto che il Governo e tutte le istituzioni si devono concentrare, perchè l'Italia può sopravvivere a tutto ma non ai decretini.

SPADINO

Ven, 10/04/2020 - 12:54

SE NON CACCIAMO VIA IMMEDIATAMENTE CONTE GIUSEPPI E CASALINO (GRANDE FRATELLO) CI TROVEREMO TUTTI IN MUTANDE.....E FORSE NEANCHE QUELLE.

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 10/04/2020 - 13:51

Con questi decreti, disposizioni Regionali e Comunali non si capisce più nulla tantomeno quelli che dovrebbero farli applicare. In tutto questo tempo non siamo ancora riusciti ad avere mascherine per tutti e tamponi che aiuterebbero a identificare i negativi e a riprendere il lavoro, lasciando a casa tutti gli altri.

ortensia

Ven, 10/04/2020 - 14:17

Briatore for President!

Totonno58

Ven, 10/04/2020 - 14:59

Mancava il messaggio quotidiano di questo signore

maxinum

Ven, 10/04/2020 - 15:51

E anche oggi leggo tante polemiche ma non vedo proposte concrete....purtroppo non c'è nessun Salvatore della patria.

Calmapiatta

Ven, 10/04/2020 - 16:34

Conte naviga a vista da sempre. La gestione della crisi ce lo ha confermato. Ora, un governo serio, dovrebbe cominciare a immaginare il post covid, che farà più danni del covid. Invece ci balocchiamo con i soliti decreti che promettono soldi a pioggia che i cittadini non vedranno mai. E' ora di farla finita con la vecchia politica e i rivoluzionari senza arte ne parte. Bisogna cambiare, altrimenti saranno guai.