Brindisi, rapisce e violenta la ex: 52enne in manette

Tra le accuse rivolte all'uomo anche quelle di stalking, violenza privata e violazione di domicilio: avrebbe abusato sessualmente della ex compagna

Un sequestro con tanto di violenza sessuale. Di tali gravissimi reati è accusato un 52enne di Ostuni (Brindisi) nei confronti della sua ex fidanzata. Altri reati contestati all'uomo sono quelli di stalking, violenza privata e violazione di domicilio. Nei confronti del 52enne è stato disposto un provvedimento restrittivo firmato dal gip in accordo con le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Brindisi e condotte dal personale del commissariato di polizia della Città Bianca.

Come è possibile leggere da Brindisi Oggi, è stata la stessa vittima a denunciare quanto avvenuto ai suoi danni. Da quanto è emerso, pare che l'uomo si sarebbe introdotto illecitamente in casa più volte, inviandole un numero incalcolabile di messaggi, il cui contenuto sarebbe stato spesso minaccioso. Il sequestro sarebbe avvenuto lo scorso agosto. In seguito, la presunta violenza sessuale. La sventurata sarebbe riuscita a liberarsi e a denunciare il tutto alle forze dell'ordine.

Numerose le accuse contestate ad un 52enne di Ostuni, reo di aver sequestrato la sua ex compagna per poi violentarla. Tra i reati a cui l'uomo dovrà rispondere ci sono quelli di stalking, violenza privata, violenza sessuale e violazione di domicilio. Il sequestro sarebbe avvenuto per strada: il 52enne avrebbe bloccato la donna senza darle via di scampo e portandola con sé con la forza. A dichiararlo la stessa donna la quale sarebbe riuscita a fuggire dal suo aguzzino, raccontando il tutto agli inquirenti. Secondo gli investigatori, l'uomo sarebbe entrato più volte in casa della ex con la forza, inviandole, inoltre, un gran numero di messaggi, molti dei quali di contenuto minaccioso. Al momento non è stata ancora resa nota l'identità del 52enne. Le indagini proseguono.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.