Busto Arsizio, tenta il suicidio: lo sfogo su Facebook lo salva

L’amica con cui l’uomo era in contatto sul social network, di fronte ai suoi intenti, ha chiamato i Carabinieri. I militari hanno estratto il giovane dal veicolo ormai privo di sensi a causa del gas di scarico inalato

Ha tentato il suicidio, ma è stato salvato. Se il giovane è ancora vivo lo deve allo sfogo che ha avuto via Facebook. Il ragazzo infatti ha manifestato i propri intenti mentre stava comunicando con una sua amica tramite il social network. E’ stata lei che, preoccupata per la sorte del suo conoscente, ha chiamato i Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Busto Arsizio (Varese) spiegando la situazione.

I militari sono subito passati all’azione recandosi nei pressi dell’abitazione del giovane, senza però trovarlo. A seguito di accurate ricerche gli uomini in divisa sono riusciti a rintracciare il veicolo della persona che stavano cercando in una strada secondaria di Fagnano Olona. Al mezzo, parcheggiato in un sentiero sterrato con il motore acceso, era stato applicato un artigianale sistema che conduceva i fumi di scarico all’interno dell’abitacolo. Il finestrino anteriore era stato sigillato per evitare che i gas nocivi uscissero dal veicolo.

I Carabinieri hanno notato che il ragazzo sul sedile era ormai privo di sensi così hanno rotto un finestrino e l’hanno estratto dall'auto.

I due giovani militari intervenuti, da poco formati anche quali addetti al primo soccorso, hanno praticato alla vittima le prime operazioni di rianimazione, in attesa dell’arrivo del personale sanitario che li ha raggiunti poco dopo.

L’uomo, al momento degente presso l’ospedale di Busto Arsizio, è ricoverato in osservazione, non più in pericolo di vita.